7 curiosità su I bastardi di Pizzofalcone, la fiction con Alessandro Gassmann

SHARE

I bastardi di Pizzofalcone è la nuova serie di Rai Uno: ecco tutte le curiosità sulla fiction con Alessandro Gassmann e Carolina Crescentini

chiudi


I Bastardi di Pizzofalcone è una serie tv che parla di voglia di riscatto, corruzione e poliziotti “scomodi”. Il commissariato di Pizzofalcone si trova a Napoli, tra i quartieri spagnoli e il lungomare. Alcuni agenti della squadra sono stati arrestati per un grave caso di corruzione, causandone la chiusura. Sono rimasti solo in due a smaltire le pratiche burocratiche e a gestire l’ordinaria amministrazione del quartiere; gli altri commissariati della città però si liberano dei poliziotti più scomodi per mandarli proprio a Pizzofalcone.

L’arrivo dell’ispettore Lojacono nella fiction (detto “il Cinese”, interpretato da Alessandro Gassman) sconvolge le vite di tutti questi poliziotti…

Un poliziesco intrigante tra corruzione e voglia di riscatto e rivincita

1- Lo sceneggiato è tratto da un libro del 2013 di Maurizio De Giovanni, I bastardi di Pizzofalcone, ispirato all’87º Distretto di Ed McBain. Si tratta di un police procedural, a cui sono seguiti altri 4 romanzi sull’ispettore Lojacono.

2- La serie si compone di 6 puntate, in onda dal 9 gennaio 2017.

I Bastardi di Pizzofalcone: di cosa parla?

3- Il tema musicale della serie è firmato da Andrea Ridolfi e Vito Abbonato, mentre il cantante è l’attore italiano Gennaro Della Volpe, in arte Raiz.

4- Giuseppe Lojacono, ispettore del commissariato di Pizzofalcone, è soprannominato “il Cinese” per i suoi tratti somatici che ricordano quelli di un orientale.

5- Il team del cinese è così formato: Francesco Romano (Gennaro Silvestro), il vice sovraintendente Ottavia Calabrese (Tosca D’Aquino), Giorgio Pisanelli (Gianfelice Imparato), Alex Di Nardo (Simona Tabasco) e l’agente scelto Marco Aragona (Antonio Folletto). Nel cast anche il magistrato Laura Piras, interpretata da Carolina Crescentini.

I Bastardi di Pizzofalcone: quando va in onda?

6- “Napoli compare come sintesi dell’Italia, nel bene e nel male e questi personaggi incarnano la voglia di riscattarsi dagli stereotipi e dai troppi luoghi comuni”, ha commentato Alessandro Gassmann a proposito del copione.

7- Carolina Crescentini (Instagram @carolcrasher) per la fiction diretta da Carlo Carlei (Romeo and Juliet), ha passato diversi mesi a Napoli: “Io Napoli la amo, ci ho lavorato ai tempi della Squadra, e mi sono sempre sentita coccolata, ricordo di aver ricevuto consigli da un tassista, avevo la febbre alta e il giorno dopo non potevo mancare un appuntamento importante, mi disse di prendere brodo e aspirina… per me Napoli è questo, affetto puro, e l’Italia sarebbe diversa se non avesse una città così“.