Il costo del vaccino antinfluenzale 2016

Dove acquistarlo, dove farlo somministrare, per chi è gratuito

chiudi

Caricamento Player...

Il costo del vaccino antinfluenzale 2016 non è elevato e alcune categorie hanno diritto ad usufruirne gratuitamente.

Perché vaccinarsi in vista dell’epidemia influenzale

Ogni anno durante il periodo invernale, si registra un certo numero di vittime dell’epidemia influenzale. Tali vittime si concentrano soprattutto nelle cosiddette “categorie a rischio” che comprendono coloro il cui sistema immunitario, per diverse ragioni, non è in grado di rispondere adeguatamente all’attacco dei virus influenzali.
Si tratta soprattutto di anziani oltre i 65 anni, di bambini molto piccoli e di malati cronici, le cui già precarie condizioni di salute rendono inefficace la risposta del loro organismo alla minaccia virale.

Vaccinare l’intera popolazione e non soltanto le categorie ritenute a rischio aumenta la cosiddetta “protezione di gregge”: i soggetti vaccinati agiscono come una barriera nei confronti dei soggetti che non possono vaccinarsi, impedendo quindi che essi entrino in contatto con i virus.
Il momento più adeguato per procedere alla vaccinazione è il mese di Novembre, prima del picco influenzale previsto per la fine di Gennaio. Secondo alcune stime infatti il virus di quest’anno si è già manifestato, nonostante il fatto che non sia ancora cominciato l’inverno, e si prevede che sia un ceppo virale molto aggressivo.

Il costo del vaccino antinfluenzale 2016 e la sua somministrazione

Il vaccino antinfluenzale può essere acquistato in farmacia al costo di 12 Euro nel caso del vaccino trivalente e di 18 Euro nel caso di quello tetravalente. E’ necessaria la prescrizione del medico di base e, per le persone rientranti nelle cosiddette categorie a rischio, il vaccino è gratuito.
Gli individui rientranti nelle categorie a rischio e le donne in stato di gravidanza possono rivolgersi direttamente alla propria ASL di appartenenza, dove verrà loro somministrato il vaccino a seguito di accertamenti allergologici. In particolare è sconsigliata la somministrazione del vaccino antinfluenzale a coloro che risultano intolleranti alle proteine dell’uovo e ad altri elementi della sua formulazione.