Che vuol dire misogino? Visto che è una parola che si sente pronunciare molto frequentemente è opportuno spiegare il suo significato, indicando anche sinonimi e contrari.

Oggigiorno si sente molto pronunciare il termine misogino (alcuni dicono invece misogeno, ma è errato), ovviamente in tono dispregiativo. La misoginia, come sostantivo, è un sentimento di avversione nei confronti delle donne. Oltre a questo una persona è misogina indifferentemente se è maschio o se è femmina, perpetuando atteggiamenti d’odio nei confronti del sesso femminile.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Ma essere misogino cosa vuol dire? Spesso si usa questa parola in contesti di violenza verbale, ma anche fisica, sulle donne, intese come gruppo, un tema sempre e purtroppo molto attuale al giorno d’oggi. Una persona di questo tipo, però, può avere anche rapporti di amicizia o di amore con singole donne; allo stesso modo una persona che ha dei brutti rapporti con diverse donne non vuole dire che sia misogino.

  • Origini: dal greco misóghynos (composto di mîsos, odio e un derivato di ghynḗ , donna).
  • Dove viene usato:
  • Diffusione: mondiale.
  • Lingua: italiana.

Storia della parola

L’origine del significato di misoginia non è certo: si può dire che un sentimento o un atteggiamento di questo genere ci sia sempre stato nella Storia dell’umanità. Quello di cui siamo certi che il termine misoginia derivi dal greco antico.

Misogino significato
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/uomo-donna-comporre-controversia-2933991/

Un sentimento di odio nei confronti delle donne è preponderante in alcune religioni del mondo, tanto che Papa Giovanni Paolo II, in una lettera destinata a “ogni donna” scritta nel 1995, faceva pubblica ammenda per aver perseguitato il genere femminile “nel nome di Cristo”. Alcuni filosofi del passato, come Otto Weininger, Friedrich Nietzsche e Arthur Schopenhauer, sono considerati come apertamente misogini.

Misogino: sinonimo e contrario

Il termine non ha dei sinonimi veri e propri, ma si può avvicinare a:

  • misantropia, l’avversione e l’odio nei confronti del genere umano;
  • maschilismo, che si differenzia dalla misoginia perché è un atteggiamenti culturale e non necessariamente di odio; così come il femminismo.

Il contrario di misogino, invece, è misandrico, cioè una persona che prova odio nei confronti degli uomini.

Esempi d’uso

Ecco alcune frasi di esempio che contengono il termine misogino, o misoginia:

  • “La misoginia è una piega della mentalità maschile che continua a nascondere il suo male a ogni tipo di medicina”. cit. Luisa Muraro;
  • “Il mio capo è un misogino”.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/uomo-donna-comporre-controversia-2933991/

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 13-07-2019


Lo sai dove vive Gianni Morandi? Ecco la sua meravigliosa casa, alle porte di Bologna

Apre all’ombra della Mole, nei pressi di Porta Nuova: cosa ne pensate di Starbucks a Torino?