Cosa significa bipolarismo?

Il bipolarismo è un disturbo per il quale non sempre chi ne è affetto è al corrente della cosa. Ma cosa significa essere bipolare?

Il disturbo bipolare è una complicazione sia nel lavoro sia nelle relazioni interpersonali in maniera non indifferente. Il bipolarismo è caratterizzato dal cambio rapido delle emozioni che proviamo, unita alla depressione, alle nevrosi e ai disturbi del pensiero.

Il bipolarismo, quindi, è un disturbo dell’umore: chi ne è affetto può passare molto velocemente dall’essere felice per qualcosa a una grave depressione in maniera anche frequente.

  • Origini: dal greco.
  • Dove viene usato: in campo medico, scientifico e politico (curiosità a fine articolo)
  • Lingua: italiana, traducibile in tutte le lingue.
  • Diffusione: mondiale.

Storia della parola bipolarismo

L’origine della concezione di questo disturbo risale al XIX secolo, quando Jules Baillarger nel gennaio del 1854, discusse di una malattia mentale che causa cambiamenti frequenti tra mania e depressione all’Accademia Imperiale francese di medicina.

Nello stesso anno, con la differenza di qualche mese, Jean-Pierre Falret presentò una relazione nella stessa Accademia mostrando identiche condizioni già mostrate e spiegate da Jules Baillarger.

Bipolarismo
fonte foto:https://pixabay.com/it/photos/smiley-emoticon-rabbia-arrabbiato-2979107/

Tra il 1856 e il 1926, lo psichiatra tedesco Emil Kraepelin, iniziò un vero e proprio studio sul disturbo. Usando il criterio di Karl Ludwig Kahlbaum (psichiatra tedesco) di ciclotimia (un altro disturbo dell’umore).

Prese dei pazienti e li suddivise in categorie: iniziò a studiare gli effetti di questo disturbo, seguendone il corso naturale su coloro che ne erano affetti e non avevano ancora ricevuto nessun tipo di trattamento.

Disturbo bipolare: un significato diverso in 3 casi

Il bipolarismo non sempre viene riconosciuto nelle sue tre categorie… Ecco quali sono e cosa comportano:

  1. Disturbo bipolare I: quando il disturbo bipolare I viene diagnosticato, purtroppo, significa che si è verificato un episodio maniacale nell’anamnesi. È sempre meglio ripetere il test per evitare che questo evento non trovi spiegazione migliore nella schizofrenia. L’età media dove viene riscontrato è di 18 anni.
  2. Disturbo bipolare II: quando viene diagnosticato il disturbo bipolare II vuol dire che si riscontra un evento ipomaniacale e uno depressivo.
  3. Disturbo ciclotimico: se è stato diagnosticato il disturbo ciclotimico significa che c’è stato, per un minimo di due anni, numerosi periodi con sintomi ipomaniacali e molti periodi con sintomi depressivi. Fortunatamente questo genere di sintomi non compaiono per più di due mesi.
Ragazza bipolare
fonte foto:https://pixabay.com/it/photos/psicologia-psiche-maschera-gratella-2706902/

L’unica vera differenza tra queste tre categorie risiede esclusivamente nell’intensità dei sintomi.

Bipolarismo ha un significato anche nella politica!

Questo termine è stato usato per rilevare e risolvere i problemi di politica internazionale dal punto di vista di due superpotenze. Come esempio, nella politica seguita fino al 1990 dagli USA e dall’URSS, due blocchi che si costituirono alla fine della seconda guerra mondiale.

Invece in un sistema politico a più partiti, è usato per definire la presenza di due parti di attrazione o di influenza.

Scoprine di più sui sintomi del bipolarismo!

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/smiley-emoticon-rabbia-arrabbiato-2979107/, https://pixabay.com/it/photos/psicologia-psiche-maschera-gratella-2706902/

ultimo aggiornamento: 21-07-2019

X