Durante la quarantena rimanere a casa non è abbastanza: ci sono alcune semplici regole da seguire per mettere al sicuro la salute di tutti.

Molte persone sono state costrette all’isolamento a causa dell’epidemia di COVID-19. C’è chi è stato messo in quarantena per positività ai test senza presentare sintomi, chi perché ha sintomi lievi, altri per motivi precauzionali. Esistono, però, dei comportamenti a cui prestare attenzione per non rischiare ulteriori danni? L’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici avrebbe diffuso un piccolo vademecum nel quale illustra come fare per evitare ulteriori danni.

Si sa che, in questi casi, far passare il tempo è davvero difficile perciò, oltre ad illustrarvi le 5 regole da seguire, vorremmo aiutarvi a trovare qualche alternativa per far passare il tempo di isolamento più velocemente.

5 regole seguire in isolamento

• Dovete stare a casa ed è fondamentale che non vediate nessuno. Cercate di star il più isolati possibile, anche se non vivete soli: dal 09 marzo nessuno può venire a trovarvi, ma cercate di tutelare la salute anche di chi vive nella stessa casa o, ad esempio, dei corrieri.

• Se vi si accentuano i sintomi, chiamate il numero giusto: ce n’è uno dedicato per ogni regione. Non recatevi subito al pronto soccorso o dal medico.

• È molto importante che voi stiate in una stanza ben arieggiata, ma con le porte chiuse.

• Buttate il fazzoletto usato, anche se usato una volta soltanto, e chiudete molto bene il sacchetto della spazzatura.

• La spesa online può aiutarvi a sopperire al periodo. Fattevela lasciare davanti alla porta di casa così non avrete contatti diretti con persone sane.

Quarantena a casa
Quarantena a casa

Come assistere un malato in quarantena

È necessario che chi assiste il malato sia sano e non presenti malattie pre-esistenti. Questo evita che si creino complicazioni se contagiato. Inoltre, ecco tutti gli altri accorgimenti necessari:

• Chi assiste deve assicurarsi di indossare sempre guanti e mascherina ben aderente al viso.

• Se l’isolamento è domiciliare, interrompere la raccolta differenziata per evitare l’accumulo di materiali potenzialmente pericolosi.

• Indossate i guanti ogni volta che dovete entrare a contatto con oggetti potenzialmente contaminati: lenzuola, biancheria o il piatto del malato.

Lavatevi spesso le mani, se è possibile asciugatele con salviette monouso, altrimenti cambiate gli asciugamani quando bagnati.

Disinfettate e pulite ogni superficie con disinfettanti o con prodotti a base di cloro (come la candeggina) alla concentrazione di 0,5% oppure con alcol 70%. Abbiate cura di indossare guanti e indumenti protettivi durante la disinfezione.

Come far passare il tempo in isolamento

In quarantena, si sa, il tempo non passa mai, soprattutto se si è costretti all’isolamento ma non si hanno sintomi virali evidenti. Vi suggeriamo qualche modo carino per poter passare il tempo!

Leggere un libro
Leggere un libro

• Trovate il tempo di finire quel libro che avete lasciato sul comodino da tempo.

• Approfittatene per poter fare dei lavoretti in casa che avete sempre rimandato.

• (Ri)guardate il vostro film preferito.

• Se avete la possibilità di farlo, e non state troppo male, lavorate da casa con lo smart working.

• Fate quello che vi piace, ma non avete mai tempo di fare: cucinate, dipingete, fate corsi online, fate esercizi fisici come yoga o pilates. La quarantena, nel caso ci si sentisse bene, non deve per forza essere vista come una costrizione. Prendetevi il tempo che di solito non avete e perché no, magari cercate anche di riposare!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-03-2020


L’allarme contagio cambia la TV: saltano anche Vieni da Me e Detto Fatto

Pandemia: cosa significa? Quali sono state le più gravi della storia?