A Fabrizio Corona sono stati concessi gli arresti domiciliari: l’ex agente fotografico ha lasciato il carcere di Monza.

Fabrizio Corona ha lasciato il carcere di Monza per tornare a scontare il resto della sua pena ai domiciliari. Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha infatti accolto la richiesta dei suoi legali, Antonella Calcaterra e Ivano Chiesa i quali avevano fatto ricorso in Cassazione contro il precedente provvedimento con il quale l’ex marito di Nina Moric, era stato costretto a ritornare in carcere. Pare che questa scelta sia stata determinata soprattutto dallo stato di salute mentale di Corona che dovrà, a questo punto, continuerà le sue cure fuori dal carcere.

Fabrizio Corona lascia il carcere e torna a casa

Una buona notizia per Fabrizio Corona e per i suoi legali che si sono visti accogliere dal Tribunale di sorveglianza di Milano, il ricorso in Cassazione e grazie al quale, l’ex re dei paparazzi è potuto finalmente tornare ai domiciliari. Corona da oggi, continuerà a scontare la sua pena ma non in carcere e questo dopo aver trascorso diverse settimane nel penitenziario di Monza e ancora prima, alcuni giorni ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Niguarda.

FABRIZIO CORONA
FABRIZIO CORONA

Fabrizio Corona concessi i domiciliari

Ricordiamo che alla notizia della revoca dei domiciliari, Fabrizio Corona aveva manifestato fin da subito malessere che lo aveva portato a ferirsi alle braccia fino ad uno scontro con gli stessi agenti della polizia lo avevano invece prelevato a casa.

Corona era poi stato trasportato all’ospedale Niguarda di Milano dove era stato tenuto sotto costante osservazione, proprio a causa delle ferite che si era procurato da solo, fino a quando non ha iniziato lo sciopero della sete e della fame e dove si era addirittura detto, attraverso una lettera, pronto a morire pur di difendere i propri diritti.


Can Yaman cancella il profilo: è sparito dai social. Colpa di Diletta Leotta?

Ballando con le Stelle, Milly Carlucci condanna il commento volgare su Twitter: “Gravissimo”