Un must have del settore beauty è la coppetta anticellulite. Vediamo di cosa si tratta, come (e se) funziona e quali sono gli effetti sulla ritenzione idrica.

Diciamo la verità: noi donne non facciamo altro che cercare nuovi rimedi per eliminare la cellulite in modo davvero efficace. Oltre alla dieta e allo sport, uno dei migliori metodi anticellulite è sicuramente il massaggio, da fare con un olio drenante ad hoc, o anche la cavitazione (previa visita da un medico).

L’ideale sarebbe farsi fare un massaggio drenante da un’estetista esperta, ma non sempre è possibile, per motivi economici o per impossibilità. Farlo da sole a casa è possibile, ma non facilissimo, per questo è stata inventata la coppetta anticellulite. Di cosa si tratta? Di una piccola coppa in silicone, apparentemente simile a quella mestruale, che si utilizza per fare un massaggio sfruttando la tecnica della coppettazione. Cellulite, dunque, addio!

Coppetta anticellulite: cos’è

Come accennato, una ventosa anticellulite è un piccolo accessorio dalla forma sferica, fatto di silicone. È stato creato apposta come modo fai da te di combattere la cellulite, ma le sue origini sono antichissime.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Coppetta anticellulite
Coppetta anticellulite

Infatti il metodo della coppettazione veniva già svolto nella Cina del 2° secolo d. C.. Lo strumento, che ai tempi era di vetro, ceramica o anche bambù, veniva usato per combattere diverse malattie. Per ottenere l’effetto sottovuoto si riscaldava la coppetta e il contatto con l’aria fresca la faceva raffreddare dando l’effetto di contrazione della pelle desiderato.

Coppette per cellulite: come si utilizzano oggi

Fare un automassaggio anticellulite con la coppetta è davvero molto semplice. Innanzitutto, bisogna cospargere con un olio anticellulite la pelle della zona interessata dall’inestetismo (gambe, cosce, glutei, pancia, fianchi), dopodiché bisogna appoggiarvi sopra la coppetta, facendo uscire l’aria con una leggera pressione e creando quindi un effetto sottovuoto.

A questo punto, è necessario spostare la coppetta sulla zona da massaggiare, con dei movimenti prima orizzontali, poi verticali e poi a zig zag, per un totale di 8 minuti. Per essere efficace, il massaggio va ripetuto tre volte alla settimana. Ecco anche un video tutorial:

Coppetta anticellulite, funziona? Benefici, pro e contro

Il massaggio effettuato con la coppetta ha notevoli benefici, non solo sulla cellulite. Innanzitutto, aiuta a drenare i liquidi in eccesso, smaltendo la ritenzione idrica. Migliora poi il microcircolo, con benefici sul gonfiore e sulla compattezza della pelle.

Tuttavia, non mancano gli effetti collaterali: se usata in modo scorretto, può causare lividi e rompere i capillari, soprattutto in persone con problemi circolatori.

Coppetta anticellulite: opinioni

Come detto, le coppette anticellulite hanno dei pro e dei contro, e le opinioni su di esse ne tengono conto. Alcune persone pensano che questi strumenti siano ottimi per quanto riguarda il rapporto tra risultato e il prezzo, e che funzionino davvero per combattere la cellulite.

Altri invece, pensano che possano portare dei problemi, se non usati in modo corretto, e che possano danneggiare il tessuto adiposo, dando luogo a lividi e rottura di capillare. Senza ombra di dubbio, bisogna guardare il caso specifico, la cellulite di partenza, le abitudini della persona e lo stile di vita che ha. Chiaramente non si tratta di un rimedio che fa miracoli, e non farà di certo scomparire la cellulite, ma aiuterà nel combatterla.

gambe donna cellulite
gambe donna cellulite

Coppette anticellulite: dove comprarle

Questo strumento si può acquistare in molte profumerie e negozi online, tra cui Amazon che offre diversi modelli a vari prezzi e con caratteristiche diverse.

Una delle più diffuse e celebri è Slimcup, la coppetta che ha rivoluzionato il mondo dei rimedi anticellulite fai da te e che ha ottenuto di conseguenza la certificazione di Dispositivo Medico dal Ministero della Salute.


Scottature pelle: cosa fare e cosa non fare in caso di ustioni

Cos’è l’insulino resistenza e quali conseguenze ha sull’organismo