Controindicazioni anello vaginale

Volete optare per l’anello vaginale come metodo contraccettivo, ma siete ancora indecise? Niente paura, ecco tutte le info utili e le controindicazioni.

La contraccezione è un tema davvero fondamentale, specialmente per i più giovani, alle prime armi con tutto ciò che riguarda il sesso: infatti la scelta va fatta con accortezza e con il consiglio di un ginecologo, ma soprattutto con tanto buon senso.

Molte donne scelgono di provare l’anello vaginale, tuttavia occorre possedere tutte le informazioni utili e le eventuali controindicazioni per avere tutti gli elementi per una scelta oculata.

L’anello dev’essere prescritto dal medico, dopo una visita accurata, e non deve assolutamente essere utilizzato dalle donne affette da trombosi venosa, arteriosa, angina pectoris, diabete mellito, tumori, emorragie vaginali, disturbi epatici.

Anche in questo caso, l’utilizzo di alcuni farmaci (ad esempio antibiotici, antidepressivi, antiepilettici ecc) potrebbe compromettere l’efficacia contraccettiva dell’anello: in questo caso è consigliabile utilizzare, per ulteriore sicurezza, anche una barriera meccanica, quale il preservativo.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 24-03-2015

Donna Glamour Guide

X