Di cosa parliamo, quando citiamo i sali di Epsom? Dove si trovano, ma soprattutto come usare questi nutrienti naturali? Scopriamolo insieme!

Che cosa sono i sali di Epsom? Spesso chi ha a che fare con una dieta o un regime di vita bio e naturale, li sente nominare più spesso rispetto a chi ancora non è abituato a questo filone innovativo.

Ebbene, sono detti anche “sali inglesi” perché arrivano dal processo di evaporazione delle sorgive di Epsom. Sono molto utilizzati per la depurazione del nostro organismo, soprattutto da chi soffre ad esempio di calcoli al fegato e al dotto biliare. Non solo problemi gravi, anzi, si parla anche di sali di Epsom per chi soffre di digestione lenta o stitichezza.

Si tratta infatti di un lassativo naturale non irritante per le mucose intestinali, ma anche come sali da bagno funzionano alla grande! In caso di lividi o distorsioni basta immergersi in un bagno caldo perché i sali di Epsom riducano i fastidiosi gonfiori.

Si possono anche applicare sulla caviglia gonfia della situazione, ad esempio, questo un altro uso molto utile. Ovviamente si deve sempre stare attenti a non eccedere nell’assunzione perché il magnesio solfato in essi contenuto provoca seri problemi ai reni.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Come usare sali di Epsom sali di epsom usare sali Epsom

ultimo aggiornamento: 13-12-2015


Come curare geloni mani con omeopatia

Quali sono i prodotti della beauty routine giornaliera