Come togliere il silicone? Ecco i metodi che vi aiuteranno se è arrivato il momento di cambiare le piastrelle o rifare il bagno.

Il silicone è il nostro miglior alleato quando si vogliono sigillare le intercapedini di piastrelle, lavabi e quant’altro, ma proprio per la sua natura è anche difficile da rimuovere. Per questo vediamo come togliere il silicone sia quando è stato appena applicato ed è, quindi, ancora abbastanza fresco, che dopo l’asciugatura.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Se lo state applicando ed è fuoriuscito dai bordi, potete rimuovere gli accessi tagliandoli con un taglierino. In questo caso dovrete fare attenzione a non rigare con la lama del taglierino le superfici vicine, come ad esempio le piastrelle. Quando invece il silicone si è asciugato completamente la situazione diventa un po’ più complicata, vediamo cosa si può fare.

Come rimuovere il silicone con il calore

Il modo migliore per un’accurata rimozione del silicone è ammorbidirlo per riuscire ad eliminarlo completamente. Ci sono diversi modi che possiamo utilizzare: il primo è sicuramente il calore. Il metodo più efficace e anche rapido è quello di utilizzare una pistola termica per riuscire ad ammorbidirlo in tempi brevi.

Rimozione silicone
Rimozione silicone

Se non avete a disposizione una pistola termica, potete comunque sfruttare il metodo del calore, utilizzando un phon per capelli. In questi casi ci vorrà più tempo, ma con un po’ di pazienza riuscirete comunque nell’intento. In alternativa al phon potete anche utilizzare dell’acqua calda per rendere più morbido il silicone. Il passo successivo sarà rimuoverlo aiutandovi con un taglierino o con un raschietto. Fate sempre attenzione a non graffiare le superfici su cui state agendo e nel caso fosse necessario, invece di utilizzare raschietti in metallo, aiutatevi con una spatola in plastica.

Come pulire il silicone rimuovendo ogni traccia

Oltre al calore ci sono altri sistemi che possono aiutarvi, ad esempio tra i prodotti per togliere il silicone potete acquistare dei solventi specifici. In questo caso dovrete fare attenzione alle indicazioni sulla confezione del prodotto.

Il solvente per silicone deve essere applicato e lasciato agire per il tempo indicato, ma è importante soprattutto assicurarvi con che genere di materiale potete usarlo per non rischiare di rovinare le superfici come le piastrelle. Dopo l’applicazione del solvente potrete eliminare eventuali residui aiutandovi sempre con un raschietto o una spugna abrasiva.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-03-2021


Come eliminare i brufoletti in pochi minuti: i rimedi fai da te più efficaci

Come creare dei simpatici ventagli fai da te