Come sostituire l’aceto in cucina

Come è possibile sostituire l’aceto di vino in cucina? Ecco le caratteristiche del prodotto

chiudi

Caricamento Player...

L’aceto è, come sappiamo, un prodotto derivato dalla fermentazione del vino. Questo processo vede l’alcol etilico presente nel vino trasformarsi in acido acetico, semplicemente. Ovviamente non deve essere alcolico, il suo grado infatti non deve essere superiore all’1,5% per essere usato in cucina. Ciò che in molti non sanno è che l’acido acetico da molti benefici alla salute. Uno tra tutti è che aumenta la secrezione della saliva e dei succhi gastrici, ecco perché grazie all’aceto riusciamo a digerire meglio. E’ altresì ipocalorico ed anche ricco di vitamine A e C – per non parlare dei sali minerali.

Per le ragazze che sono a dieta è importante sapere che ha persino un’azione leggermente tonificante, dal momento che agisce sul sistema nervoso centrale e concede benefici alla linea.

Le sue varianti sono infinite, per esempio l’aceto balsamico è indicato in sostituizione di quello di vino, se proprio non si sopporta il sapore acre di quest’ultimo. Inoltre, l’aceto balsamico può essere di Modena IGP, davvero un ottimo prodotto tutto italiano.

Per sostituirlo completamente, tuttavia, si può ricorrere alla salsa di soia, per esempio. Il suo sapore meno acuto la rende un’ottima surrogata per i condimenti.