Può capitare di dover inviare una raccomandata: ecco come scriverla e cosa bisogna fare prima di inviarla.

Per un motivo o per un altro può capitare di trovarsi nella situazione di dover scrivere e inviare una raccomandata. Per chi non lo ha mai fatto, o ha poca pratica in questa attività, è del tutto normale avere dei dubbi su come fare compilarla senza commettere errori in mondo che possa arrivare, senza alcun tipo di intoppo, a destinazione. E se anche voi vi chiedete come si compila una raccomandata in modo corretto, in questo articolo troverete tutti i consigli su come scriverla.

Come scrivere una raccomandata

Iniziamo nel dire che la raccomandata con ricevuta di andata e ritorno è una modalità di spedizione formale che viene solitamente utilizzata per l’invio di documenti (che vanno dalle disdette di abbonamenti vari o le domande di partecipazioni a bandi e concorsi pubblicare).

Scrivere
Scrivere

Come compilare una raccomandata? Negli uffici postali è possibile trovare dei modelli precompilati nei quali basta indicare i dati, si può inoltre richiedere agli impiegati dell’ufficio postale la cartolina per la ricevuta di ritorno che va compilata in tutti i campi.

Ma è possibile anche utilizzare delle buste non precompilate. E’ importante comunque fare attenzione a inserire correttamente con i dati esatti di mittente e destinatario della raccomandata.

Sul lato frontale della busta, in corrisponde della linguetta della chiusura, bisogna scrivere i dati del mittente, ovvero il nome, il cognome, l’indirizzo con tanto di numero civico, la città, il codice di avviamento postale (CAP) e la provincia.

Sul retro della busta, in basso a destra, vanno invece scritti i dati del destinatario: il nome e cognome (o i dati della società o istituzione alla quale volete inviare la raccomandata), l’indirizzo con tanto di numero civico, la città, il codice di avviamento postale (CAP) e la provincia. All’interno della busta va poi inserito il documento da inviare.


App per vendere vestiti usati: quale scegliere?

Cos’è e a cosa serve l’indice di riparabilità