Il portone di casa rappresenta il nostro biglietto da visita. Ecco tutto quello che c’è da sapere per pulirlo al meglio

Purtroppo il portone, proprio per la sua collocazione e la sua funzione di passaggio, è più soggetto a sporcarsi. Qui la polvere si annida infatti molto più facilmente rispetto ad altre parti della casa. A questo vanno aggiunte anche le impronte delle mani non sempre pulite che lo toccano. Segni ben visibili dall’esterno, soprattutto se sono di grasso o unto. Anche per il portone di casa bisogna stare molto attenti a come lo si pulisce e quali prodotti si usano, perché un metodo sbagliato potrebbe comprometterne l’aspetto con aloni e ancor peggio graffi. La prima cosa da fare è rimuovere la polvere dalle maniglie. Se le vostre porte sono in legno laccato, preparate una soluzione con un litro di acqua e uno di ammoniaca, versatela in un vaporizzatore e spruzzatela su un panno morbido, passatelo con cura evitando di lasciare aloni. Se il portone della vostra casa è bianco, preparate una soluzione di acqua e bicarbonato (un cucchiaio per ogni litro), imbevete un panno, passatelo sulla superficie e asciugate subito. Nel caso abbiate un portone intagliato, potete usare un po’ di liquido per lavare i piatti diluito con acqua. Per passare la soluzione usate una spugnetta, sciacquate e asciugate con cura. Per rimuovere la polvere dagli angoli più impervi, usate un pennello morbido con setole naturali. Il vostro portone sarà impeccabile!


Come trascorrere un weekend romantico a Lerici

Quali sono esercizi base di TRX