Come pulire i sandali in cuoio

Vediamo come pulire i sandali in cuoio, molto belli da vedere e pratici da indossare ma che tendono a sporcarsi facilmente.

chiudi

Caricamento Player...

Specialmente in estate i sandali in cuoio sono molto utilizzati, sia perché comodi da usare, sia perché esteticamente belli da vedere come tutti gli accessori realizzati in materiali naturali.

Ma il contatto con acqua o altri tipi di liquido li può irrimediabilmente macchiare, e allora iniziamo a chiederci come pulire i sandali in cuoio.

Innanzitutto dovremmo evitare di pulirli con l’acqua: è proprio l’acqua infatti che tende principalmente a macchiarli, meglio sarebbe usare un detergente specifico per il cuoio, una sorta di balsamo che ne rispetti il ph naturale non alterandolo, reperibile dal calzolaio o in ipermercati che abbiano un reparto dedicato alla cura delle calzature.

Se invece abbiamo bisogno di pulirli ma non ci interessa se il risultato non sarà eccezionale, possiamo inumidire un panno con acqua e sapone e strofinarlo sulle parti dove si sono formate delle macchie finché non compare una schiuma: dopodiché, rimuovere la schiuma con un altro panno pulito e inumidito. E’ consigliabile lasciarli asciugare al sole.

Per ultimare il lavoro, possiamo passare sui nostri sandali del latte detergente comune, quello che usiamo per struccarci, da togliere via poi con una pezza asciutta in modo tale da reintegrare la morbidezza del cuoio che a contatto col sole potrebbe indurire e diventare secco al tatto.

Ricordiamo comunque di non indossarli se non quando sono completamente asciutti, e di passare al loro interno prima di calzarli del borotalco o della polvere di timo per eliminare gli odori sgradevoli.