Una mini guida per il giardiniere in erba sulle diverse tecniche di pulizia degli attrezzi da giardino

Il giardinaggio è un hobby che appassiona molte persone in maniera diversa: che si tratti di un semplice amatore dal pollice verde o di un vero “professionista da giardino”, è di fondamentale importanza avere a disposizione degli attrezzi di qualità.

Questo perché chi ha la fortuna di avere una piccola oasi verde in casa propria, deve coccolarla e curarla costantemente con passione e dedizione, per assicurarne il massimo splendore.

Se si parla di giardinaggio quindi, non può trascurarsi l’importanza di avere un’attrezzatura di qualità, la cui manutenzione è fondamentale per il bene del giardino: sporco accumulato e ruggine, infatti, possono danneggiare seriamente gli attrezzi, compromettendone l’efficacia e arrecando danni alle piante.

Questa è una breve e semplice guida sulla pulizia degli attrezzi da giardino, per assicurare la conoscenza di piccoli accorgimenti da seguire ogniqualvolta si avrà a che fare con cesoie, zappette, trapiantatori, rastrelli e affini.

Una pulizia costante degli attrezzi è importante per proteggerli dalla ruggine e da agenti batterici dannosi per le piante.

Ci sono diversi metodi e materiali per la pulizia degli attrezzi da giardino: è possibile optare per una soluzione più classica con l’utilizzo di un prodotto specifico, oppure scegliere un metodo più ecologico.

Di base, la pulizia degli strumenti da giardino si riassume in 3 attività principali:

  1. Spazzolare gli attrezzi in senso circolare per togliere eventuali residui di ruggine e terra;
  2. Lavare gli attrezzi con un rapido getto d’acqua;
  3. rivestire gli attrezzi con un leggero strato d’olio per la protezione dall’ossidazione, ad asciugatura avvenuta.

In caso di sporco ostinato si renderà necessario il ricorso a detergenti specifici.

In alternativa ai prodotti in commercio, si può ricorrere a metodi più naturali, come ad esempio la pulizia con acqua e bicarbonato o con la sabbia.

Nel primo caso, per liberarsi dello sporco più superficiale, sarà sufficiente inumidire gli attrezzi e strofinarli con del bicarbonato, che oltre a pulirli li igienizzerà. A seconda del livello di usura, potrà rendersi necessario il ricorso ad una spugna abrasiva o ad una spazzola, per eliminare lo sporco più ostinato. Dopo il lavaggio degli attrezzi sarà opportuno farli asciugare per evitare qualsiasi traccia di umidità, e successivamente si potrà procedere a ricoprirli con un leggero strato di olio.

Nel caso in cui dovessero esserci residui di resina, sarà necessario l’utilizzo di un solvente specifico.

Un altro metodo è quello di riporre gli attrezzi dopo un rapido lavaggio con acqua, in un secchio contenente olio e sabbia (1 cucchiaio di olio ogni 5 cucchiai di sabbia) che assieme costituiscono un ottimo abrasivo contro sporco e ruggine. A termine del trattamento, sarà sufficiente pulire gli attrezzi con un panno per farli ritornare come nuovi.

La cura e la pulizia degli attrezzi sono la base per avere un giardino sano, rigoglioso e bello; non resta che armarsi di un po’ di olio di gomito e seguire piccoli accorgimenti: dove inizieranno a farsi sentire la pigrizia e la fatica, verranno in aiuto la passione per le piante e il pollice verde.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 14-10-2015


5 diete dimagranti prima del matrimonio

Come eliminare tarme alimentari