Scopriamo come pulire l’argento annerito e farlo tornare al suo splendore originale grazie a sale, bicarbonato e altri metodi della nonna.

L’argenteria ‘buona’ è l’orgoglio di ogni casa, ma può comportare non pochi problemi quando inizia ad appannarsi, annerirsi o ossidarsi. Gioielli e oggetti in argento, infatti, quando non si utilizzano per molto tempo, tendono a ossidarsi e a diventare neri, perdendo il loro splendore iniziale.

Quindi, come si pulisce l’argento? In commercio ci sono tanti prodotti per la lucidatura e la pulizia di simili oggetti, ma sono spesso molto costosi e oltretutto danneggiano l’ambiente. Anche solo nella nostra cucina, però, è possibile mettere a punto rimedi naturali con quello che si ha, aiutandosi con un panno morbido e uno spazzolino per gli anfratti più difficili da raggiungere.

Si può pulire l’argento con bicarbonato, sale grosso, aceto… potete scegliere la soluzione che più preferite e trovare quella che fa di più al caso vostro. Ecco alcuni consigli!

Come pulire l’argento?

Posate d'argento
Posate d’argento

Sale grosso e alluminio: foderate con dell’alluminio un capiente contenitore di vetro e gettatevi dentro qualche manciata di sale grosso. Riempitelo degli oggetti da pulire (preferibilmente posate, ciondoli e monete) e di acqua calda. Dopo un’ora, rimuoveteli e asciugateli con un panno.

Bicarbonato di sodio: da utilizzare come nel primo metodo al posto del sale (50 grammi per ogni litro) o come impasto per strofinare posate e gioielli, da lasciar agire per un paio d’ore. Pulire l’argento con il bicarbonato è uno dei metodi più semplici e usati: consigliatissimo!

Succo di limone: va versato direttamente sull’argenteria insieme a due cucchiaini di bicarbonato. Strofinando con un panno, vedrete apparire una patina verde: la parte ossidata che viene a poco a poco rimossa. Sparite le macchie, sciacquate sotto acqua corrente e asciugare.

Dentifricio: applicate su tutta la superficie con un panno, con lo spazzolino o con il proprio dito. Strofinate delicatamente e infine risciacquate.

Acqua di cottura delle patate: immergete l’argenteria in una soluzione di acqua di cottura filtrata e aceto.

Aceto bianco: può essere utilizzato anche con semplice acqua calda (2 cucchiaini) nella quale lasciare a mollo gli oggetti d’argento per almeno mezz’ora. Oppure, basta versarlo su un panno per strofinarli.

Birra: lasciarci dentro l’argenteria per una notte, e risciacquate con cura la mattina.

Cenere da sigaretta: create un impasto aggiungendo dell’acqua, da versare su un panno o su un batuffolo di cotone.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-09-2020


Pancia piatta, i segreti e i consigli per averla in poco tempo

Come fare le talee: tutti i consigli sui periodi migliori e sui metodi