Come preparare olio di canapa

Preparare olio di canapa: ecco come fare per ottenere un prodotto buono e salutare, un olio dalle infinite proprietà benefiche per l’organismo.

chiudi

Caricamento Player...

Come preparare olio di canapa.

Va anzitutto detto che l’olio di canapa è un olio vegetale contenente acidi grassi essenziali che lo rendono un ottimo antiossidante, immunomodulante e antiinfiammatorio.

L’olio di canapa è utilizzato molto in cucina per condire insalate, zuppe, cereali, insieme all’olio di oliva o da solo e questo grazie al suo sapore che ricorda un po’ quello delle nocciole.

Tra le sue proprietà vi è quella di essere fonte di acido alfa linolenico e uno dei pochi oli in grado di garantire equilibrio tra omega-3 e omega-6, in rapporto a 3:1, ovvero il rapporto raccomandato da ricerche mediche e teorie nutrizioniste.

L’olio di canapa, inoltre, è noto perché ricco di amminoacidi, vitamine come la A, E, B1, B2, C e PP, calcio, ferro, potassio, magnesio, fosforo, fitosteroli e cannabinoidi con un’importante funzione di modulazione per sistema immunitario e funzioni cognitive.

Naturalmente il principio attivo stupefacente è presente in bassissime quantità e il consumo e utilizzo di questo olio non ha, ad oggi, riscontrato alcun effetto collaterale, al contrario, è stato dimostrato avere effetti benefici sulla salute, così che il suo utilizzo è stato consigliato per la prevenzione e il trattamento di malattie e infiammazioni.

Spostandosi sul lato pratico, come preparare olio di canapa?

Per preparare olio di canapa è necessario, per prima cosa procedere all’estrazione dalla canapa. Uno dei sistemi di estrazione più semplice e che non richiede particolari premure è quello che utilizza l’olio d’oliva.

Cosa serve:

  • della cannabis;
  • olio extravergine di oliva;
  • barattoli in vetro;
  • colino per tisane;
  • pestello da mortaio o pistone;
  • carta stagnola e nastro adesivo.

Per preparare olio di canapa sono necessari 5 gr di cannabis e 20 ml di olio d’oliva. È necessario tirare la cannabis e mischiarla nei 20 ml di olio in un barattolo di vetro, aggiungervi 70 ml di acqua e chiudere il contenitore con carta stagnola e nastro adesivo.

Il barattolo così chiuso deve ora essere messo a bagnomaria per un’ora. Quando il contenuto è raffreddato si potrà passare al filtraggio e alla separazione dell’estratto.

Per il filtraggio, dopo aver sistemato un fazzoletto di cotone sul colino, si procede pressando il materiale vegetale con il mortaio.

Il liquido così raccolto dovrà essere riposto in freezer per una notte. Durante questo periodo nel barattolo avverrà la separazione tra olio e acqua. Lo strato di olio salirà in superficie e la mattina seguente potrà essere estratto e raccolto in un altro contenitore e conservato al buio in frigo a 4-6°.