Scopriamo come partecipare come pubblico a Stasera tutto è possibile, programma presto al via su Rai 2 condotto da Amadeus.

Stasera tutto è possibile debutterà in prima serata su Rai due martedì prossimo, 8 settembre, condotto da Amadeus e basato sul format americano “Anything Goes”, che già è stato riproposto dai francesi col titolo “Ce soir, tout est permis avec Arthur”.

La prima puntata vedrà l’avvicendarsi di numerosi vip impegnati in una serie di prove fisiche e intellettuali, ma i loro nomi non sono stati resi noti per non rovinare la sorpresa.

Partecipare come pubblico a Stasera tutto è possibile potrebbe essere un’esperienza molto divertente: assistere ai giochi di questo programma dal vivo allietato dalla verve e dalla simpatia di un conduttore come Amadeus è infatti il desiderio di molte persone. Se anche voi siete tra queste persone, dovete andare su www.rai1.rai.it e cercare la sezione dedicata al programma, oppure inviare una mail a raicasting@rai.it specificando nell’oggetto la vostra richiesta.

Se il reclutamento del pubblico avviene tramite la redazione del programma non dovreste avere problemi ad essere contattati per discutere i dettagli della vostra presenza in tv. In caso contrario, è probabile che la redazione del programma abbia delegato questa operazione a una delle tante agenzie di spettacolo che si occupano di fornire figuranti per la tv, e allora avreste bisogno di iscrivervi a questa agenzia, che nel caso vi scegliesse per partecipare come pubblico a Stasera tutto è possibile vi corrisponderebbe anche una paga per ogni serata a cui avete presenziato.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-09-2015


Come decorare candele con decoupage

Quanto guadagna una commessa di Max Mara