Come lavare un gatto a secco

5 errori da evitare in palestra

Come lavare un gatto senza acqua? La soluzione è lavarlo a secco, mediante un apposito shampoo: in polvere o a mousse.

Il gatto, si sa, non ama l’acqua e per la sua igiene personale è bene scegliere il lavaggio a secco.

Lavare un gatto a secco è possibile mediante l’utilizzo di uno shampoo apposito, a secco, da applicare al gatto non appena lo si coglie “nel momento giusto”. È bene, infatti, non forzarlo, altrimenti l’operazione di lavaggio, seppure a secco, risulterebbe complicata.

Con apposite spazzole per gatto, l’animale va pettinato prima dell’applicazione dello shampoo a secco per evidenziare subito l’eventuale presenza di pulci o zecche.

Tra i vari tipi di shampoo a secco esistenti in commercio vi è quello in polvere, meno dannoso per il gatto e con una migliore capacità di assorbimento dello sporco del pelo.

Lo shampoo va applicato sul gatto massaggiandolo per far sì che arrivi in profondità, lo si fa agire per qualche minuto e lo si spazzola fino all’eliminazione dello sporco sul pelo.

La stessa operazione va compiuta nel caso di shampoo a secco in mousse. In questo caso la mousse va applicata prima su un lato e poi sull’altro del gatto e con l’ausilio di uno straccio asciutto va rimossa, insieme allo sporco.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 16-10-2014

Donna Glamour Guide

Per favore attiva Java Script[ ? ]