Lavare i cappotti mette sempre un po’ di timore per paura di rovinarli. Ma niente panico, ecco i consigli per ottenere un risultato perfetto!

Vi siete mai chiesti come lavare i cappotti in casa e se questo è possibile? Certo, ed è anche molto semplice. Spesso non li portiamo in lavanderia per risparmiare, ma non sappiamo che accumulano lo sporco e i cattivi odori come tutti gli altri capi. Anzi accumulano anche lo smog poiché sono a diretto contatto. Vediamo allora tutti i consigli per lavare i cappotti in casa senza rovinarli!

Cappotto in lana cotta e lavaggio: come procedere

Per lavare un cappotto di lana cotta il procedimento è il seguente:

Lavaggio cappotto in lavatrice
Lavaggio cappotto in lavatrice
  1. Inserite il capo in lavatrice, facendo attenzione all’etichetta che sia effettivamente lavabile con questa modalità. Se non sono indicati divieti bisogna tenere presente la natura del materiale che forma il tessuto, ovvero la lana cotta;
  2. Aggiungete il detersivo apposito per la lana e un misurino di ammorbidente per renderlo morbido;
  3. Scegliete un programma per la lavatrice con lavaggio a mano oppure quello specifico per lana;
  4. Impostate la durata, circa un’ora e mezza. Attendete e poi togliete il capo e mettetelo a stendere.

Se proprio avete timore ad inserirlo in lavatrice potete optare per il classico lavaggio a mano:

Lavaggio cappotto a mano
Lavaggio cappotto a mano
  1. Siccome non ci starà in una bacinella per via delle dimensioni, potrete immergerlo direttamente nella vasca da bagno;
  2. Aggiungete del sapone neutro e un cucchiaio di bicarbonato di sodio;
  3. Strofinate il tutto con le mani;
  4. Risciacquate e strizzate per bene;
  5. Infine, lo dovrete mettere ad asciugare in un luogo caldo e asciutto.

Come lavare i cappotti in casa a seconda del materiale

Invece, come lavare un cappotto in poliestere, un bomber jacket, una giacca di pelle o il classico piumino? Per questi tipi di materiale è preferibile scegliere un lavaggio a secco. Quindi vi consigliamo di passare una spugnetta umida sulle parti interessate e poi asciugare subito con un panno di cotone.

Potete anche passare un po’ di aceto di mele per eliminare i cattivi odori.

Ecco un video di riepilogo:


Acqua distillata: a cosa serve (e come farla in casa)

Riciclare le mollette del bucato: tante idee creative per arredare casa