Se ci piace avere un look rétro possiamo fare una coda anni 30.

I diktat lanciati dalle passerelle parlano chiaro: gli anni 30 imperversano alla grande nel look e nelle acconciature. La donna acquisisce un fascino misterioso e rétro e un allure di seduzione senza tempo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il ritorno già dal prossimo autunno alla pelle lunare, al trucco smoky e ai rossetti cupi è un ottimo complemento se vogliamo fare una coda anni 30 ed essere in perfetta sintonia con le tendenze moda.

Per fare una coda anni 30 è preferibile avere i capelli di una lunghezza media, perché in quel periodo i capelli lunghi da hippie erano inconcepibili: un caschetto lungo o chiome che sfiorano appena le spalle. Applichiamo un prodotto condizionante sui capelli bagnati e procediamo all’asciugatura con phon. Se vogliamo che la nostra coda sia perfettamente liscia, dovremo passare dopo il phon una piastra lisciante, ma noi suggeriamo le onde, da realizzare sempre con una piastra apposita con cui andare a creare delle pieghe ondulate, proprio come quelle di Greta Garbo o Marlene Dietrich. Prima di procedere alla piega ricordiamo di fare la riga ai capelli, rigorosamente laterale. A piega ultimata portiamo tutti i capelli nel lato della testa opposto a dove abbiamo fatto la riga e raccogliamoli in una coda morbida fermandoli con un elastico invisibile ma senza strizzarli troppo.

La nostra coda anni 30 è pronta, da ornare con un fermaglio di perle o da portare, se vogliamo sentirci delle vere dive, con un fascinator con tanto di piume di struzzo e veletta, per rendere il nostro sguardo malizioso e intrigante.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-09-2015


Dove abita Emma Marrone a Roma

Colori smalto per bionde