Come fare la tecnica trucco baking

Come fare la tecnica trucco baking? Andiamo alla scoperta di questo procedimento tanto usato nello star system di Hollywood.

chiudi

Caricamento Player...

Il trucco baking, detto anche cooking, è quella tecnica molto innovativa e che sta riscuotendo un grandissimo successo in grado di ottenere risultati davvero eccezionali: particolarmente indicata per il make up teatrale e per quello delle drag queen, la tecnica trucco baking permette una copertura estrema anche di imperfezioni abbastanza evidenti, un modellamento del viso a livello visivo ancor più incisivo del tradizionale contouring e una pelle effetto Photoshop, proprio come quella che vediamo nei servizi fotografici, in cui questo procedimento viene già utilizzato da tempo.

Come fare la tecnica trucco baking?

Beh, è ovvio che per poter eseguire un make up di questo genere bisogna essere dei professionisti. Non a caso la bella Kim Kardashian, che è una grande fan del contouring e del baking, si affida alle mani esperte del make up artist Mario Dedivanovic, molto conosciuto ed apprezzato ad Hollywood, che vede tra le sue allieve anche la brava e simpatica Clio di Real Time. Il procedimento è molto simile a quello del contouring, con la differenza che ogni prodotto viene applicato in più strati, ciascuno dei quali viene poi fissato con grandi quantità di cipria. In zone del viso dove il trucco deve essere impeccabile la cipria viene applicata in quantità esagerate, e si lascia in posa, come a ‘cuocere’ sulla pelle i prodotti che deve andare a fissare, ecco il perché del termine ‘baking’ o ‘cooking’, verbi che in inglese hanno appunto il significato di cuocere.

L’effetto ottenuto ovviamente non è affatto naturale, e il make up appare un po’ pesante, ideale solo per determinate occasioni, come ad esempio un servizio fotografico o un matrimonio. Quindi non pensate di poter andare in giro tutti i giorni con un trucco baking, anche se visti i risultati la tentazione è grande, prediligete sempre un make up curato ma semplice e lasciate gli …’effetti speciali’ alle occasioni speciali!