Come fare impacco aspirina contro pori dilatati

Un impacco aspirina contro pori dilatati e altre imperfezioni della pelle è un vero toccasana di bellezza.

chiudi

Caricamento Player...

La pelle a tendenza seborroica presenta molto spesso punti neri e pori dilatati, conseguenza diretta di una pelle che non riesce più a contenere impurità e reagisce con questo fastidioso inestetismo: un impacco aspirina contro pori dilatati è quello che ci vuole per ottenere un effetto astringente e dire addio alla pelle untuosa e difficile da truccare. Come si sa, l’aspirina è ricca di acido acetilsacilico, che riesce a pulire in maniera efficace la pelle eliminando in profondità il sebo prodotto in maniera eccessiva.

Vi sono due modi di usare l’aspirina per combattere i pori dilatati: il primo è quello di sciogliere due compresse di aspirina in due dita di acqua bollente, aspettare che la soluzione ottenuta si raffreddi e poi applicarla sul viso imbevendo alcune garze sterili senza strizzarle e picchiettando bene la pelle. Ovvio che quest’ultima prima dell’impacco aspirina contro pori dilatati deve essere perfettamente detersa con un prodotto ad hoc.

Il secondo metodo è costituito da una maschera viso vera e propria, da realizzare con:

  • 3 compresse di aspirina effervescente;
  • 2 cucchiai da tè di acqua;
  • 2 cucchiaini da caffè di miele, yogurt o gel d’aloe vera;

Mettere in una ciotola l’acqua con le tre aspirine, e quando si saranno sciolte aggiungere il miele, l’aloe o lo yogurt. Nell’eventualità di una pelle molto grassa si può aggiungere il succo di mezzo limone. Mescolare fino ad ottenere una crema omogenea. Stendere su tutto il viso uno strato spesso del composto ottenuto evitando la zona del contorno occhi, e lasciarlo riposare sul viso per un quarto d’ora. Rimuovere la maschera con una spugnetta, per far sì che abbia anche un’azione esfoliante, risciacquare il viso con abbondante acqua tiepida e poi procedere all’applicazione della crema viso. Se si nota un leggero rossore o la pelle brucia un po’, è una naturale reazione dell’acido acetilsacilico sulla pelle, che comunque non dovremmo esporre ai diretti raggi solari per qualche giorno per evitare la sensibilizzazione della zona trattata. La pelle apparirà liscia e meravigliosamente luminosa; il trattamento si può ripetere un paio di volte alla settimana, ma in caso di pelle molto secca o disidratata è consigliabile effettuare questa maschera solo una volta al mese.