Come essiccare le ortensie

Per arredare la casa con semplicità, gusto e in modo economico si possono usare i fiori secchi. Essiccare le ortensie è facile e semplice.

chiudi

Caricamento Player...

I fiori sono sempre elementi decorativi, freschi o secchi che siano.

Fare essiccare fiori che si trovano comunemente nei propri giardini è semplice e il risultato darà soddisfazione a sé e alla propria casa, che sarà così arredata con gusto in modo semplice ed economico.

Ecco, quindi, come poter essiccare le ortensie, un fiore molto comune nei giardini di casa.

Anzitutto occorrono un vaso, dell’acqua e naturalmente delle ortensie ancora in piena fioritura per avere un’essiccazione perfetta, recidendone gli steli di una lunghezza sufficientemente adatta al loro inserimento nel vaso scelto.

Relativamente al vaso da utilizzare è consigliato un vaso alto in modo che i fiori, una volta messi nel vaso, si mantengano dritti da soli.

Una volta scelti vaso e fiori è necessario ripulire le ortensie recise dalle foglie in eccesso, così da avere dei bei fiori puliti e esteticamente gradevoli da vedere, dopo di che il vaso può essere riempito con l’acqua che dovrà raggiungere la metà della lunghezza degli steli delle ortensie.

Una volta poste le ortensie nel vaso, quest’ultimo va posizionato in un luogo della casa ove la luce del sole non giunga in modo diretto, un luogo poco luminoso in ogni momento della giornata.

Il passo successivo è solo quello dell’attesa e dell’essiccazione dei fiori mediante l’evaporazione dell’acqua. In genere possono occorrere anche due settimane durante le quali non è consigliato rimboccare acqua nel vaso perché questo impedirebbe l’essiccazione e farebbe marcire i fiori.

Essiccare le ortensie è semplice perché si tratta di fiori fragili, ciò che serve però è la pazienza di attendere che la natura faccia il processo da sé.