Come fare a coltivare efficacemente dei preziosi germogli in vetro? Scopriamo insieme i trucchi del mestiere!

Coltivare i germogli in vetro è possibile? Certo, senza nussun problema di sorta. E’ possibile infatti creare un simpatico orto in miniatura e far crescere dei germogli nutrienti, pieni di vitamine e di sali minerali, ottimi per integrare la nostra dieta!

Nessun artificio chimico, sarebbe poi bene evitare di utilizzare contenitori in plastica a contatto con i semi. Ecco perché il vetro è il nostro più fido alleato. Possiamo usare anche ceramica o terracotta, ma la cosa più utile da tenere in considerazione è sterilizzare in acqua bollente il nostro contenitore, prima di usarlo.

Possiamo far germogliare rucola, erba medica, miglio, girasole e semi di lino, insomma… chi più ne ha più ne metta! Si devono versare i semi all’interno del contenitore, ricoprirne il fondo, mettendoli prima in ammollo in due o tre dita d’acqua per 12 ore. Richiudiamo poi il contenitore con un telo a retina e fissato con un elastico. Così i semi respirano e li si può scolare. Risciacquandoli 2 o 3 volte al giorno, li vedremo germogliare dopo 2 giorni. Sono pronti dopo circa il doppio del tempo, l’importante è che siano riposti al buio per tutto il tempo dello sviluppo.

Hanno bisogno di luce naturale per qualche ora prima del consumo.


Quanto costa caolino

Come applicare un rossetto fluo