Ogni singolo step dev’essere ben curano, per garantirsi una buona conserva fatta in casa, a partire dalla chiusura ermetica dei barattoli.

Come fare, dunque, a garantirsi un lavoro pulito, igienico e che non faccia una grinza, dopo tutto l’iter di preparazione della conserva fatta in casa (o del sugo della situazione)? La parola chiave è: pastorizzazione.

La pastorizzazione è un processo obbligatorio da attuare al termine del lavoro, infatti è grazie a questo che si distruggono i microrganismi nocivi e patogeni, allo scopo di favorire la conservazione degli alimenti confezionati con tanto amore.

In questo procedimento il calore è l’attore primario, che distrugge i batteri. Si deve bollire il vasetto in acqua a una temperatura di 90/100 °C, semplicemente.

Per chiudere ermeticamente i vasetti, riempiteli sempre fino ad un centimetro dal bordo chiudeteli. Ora potete sterilizzarli mettendoli – avvolti da stracci per non farli cozzare – in una grossa pentola. Qui, come abbiamo detto, l’acqua deve bollire.

Dopo circa 12-24 ore, quando i barattoli saranno freddi, basterà premere al centro di un coperchio con un dito per valutare se la procedura è andata a buon fine: se il tappo torna indietro con un “clic”, allora il barattolo non è chiuso ermeticamente.

Un altro modo di controllare se il vostro lavoro è stato effettuato correttamente è assicurarsi che il tappo sia concavo: se l’aria è uscita dal contenitore, si è creata una concavità al centro dello stesso.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-06-2014


Quanto costa farsi tatuare le sopracciglia

Come chiudere i ravioli