Bullismo: i consigli per chi ne soffre

Imparare a difendersi in caso di episodi di bullismo è importante: come reagire al meglio e a chi rivolgersi per chiedere aiuto?

Oggi si sente parlare sempre di più di bullismo a scuola e gli interventi e le iniziative di prevenzione sono in aumento. Per bullismo si intende un comportamento aggressivo da parte di un “bullo” verso una persona più debole. Il bullo può essere un coetaneo o una persona più grande che crea situazioni di disagio fisico e psicologico al bullizzato.

Cosa fare quando si è vittima di episodi del genere? La prima cosa da fare è parlarne con qualcuno. Se, invece, vi rendete conto che la vittima potrebbe essere vostro figlio o un conoscente, osservate con attenzione i suoi comportamenti e prendete immediatamente contatti con la scuola.

Vediamo come riconoscere una situazione di bullismo psicologico o fisico e come comportarsi in una situazione del genere.

Come capire se si tratta di bullismo

Per parlare di bullismo non è sufficiente che si verifichi un singolo episodio. Sono infatti necessari più episodi avvenuti in maniera intenzionale e caratterizzati da un comportamento aggressivo.

bullismo
Fonte foto: https://pixabay.com/it/disperata-triste-depresso-grido-2048905/

In linea generale il bullismo si identifica in offese e insulti verso un bambino o un adolescente incapace di difendersi. Molto spesso la vittima viene derisa per il suo aspetto fisico o per il modo di vestire. Nei casi più gravi si arriva anche a diffamazione e aggressioni fisiche.

Che cos’è il cyberbullismo

Per cyberbullismo, invece, si intendono tutti quegli atteggiamento di disagio psicologico e minacce che avvengono attraverso la rete. Si possono usare ad esempio i social network per pubblicare immagini imbarazzanti e deridere la vittima.

Questo tipo di bullismo moderno si può riconoscere ad esempio quando la vittima passa molto tempo su internet o al cellulare. Un altro comportamento sospetto è ad esempio spegnere il computer quando si viene visti, mostrarsi irascibili, soffrire di insonniao inviare spesso i compiti ai compagni.

Come affrontare il bullismo

Riuscire a far parlare un ragazzo di questi episodi non è facile e a volte vi è un atteggiamento di chiusura spinto dalla paura. Chi viene bullizzato spesso subisce minacce e messo da parte. Gli viene detto di non dire a nessuno quanto successo facendolo sentire in colpa.

Osservate con attenzione i comportamenti della persona che credete sia vittima di bullismo e parlategliene. Di solito tende a isolarsi a inventare scuse per non andare a scuola o cambia atteggiamenti in modo repentino.

Se necessario chiedete l’aiuto di uno psicologo e della scuola.

Cosa fare se si è vittima di bullismo

Quando siete a scuola non rimanete isolati. Durante l’intervallo cercate di stare in luoghi affollati e vicino a persone fidate come ad esempio gli amici o i vostri insegnanti.

Se per tornare a casa prendete l’autobus non sedetevi al fondo o da soli. Scegliete un posto vicino l’autista o sedetevi accanto un adulto.

Non mostrate paura o debolezza al vostro aggressore. Siate sicuri di voi stessi e mantenete la calma. Se il potenziale bullo vi vede sicuri e tranquilli perderà interesse a infastidirvi.

Parlarne sempre con un adulto e con i propri compagni è fondamentale. L’aiuto e il supporto morale di persone più grandi o di esperti vi aiuterà a uscire da questa situazione di difficoltà.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/disperata-triste-depresso-grido-2048905/

ultimo aggiornamento: 27-03-2019

X