Come accendere il camino in casa: 4 passaggi (e i consigli)

Che sogno le serate più fredde davanti al caminetto scoppiettate! Ecco come accenderlo (senza fumo)

Vediamo i 4 step fondamentali per accendere il camino a legna senza commettere errori. Come far durare il fuoco più a lungo per un casa calda e…romantica?

Con l’arrivo del freddo e delle piogge non c’è niente di più piacevole del calore del caminetto. Riuscire ad accendere il fuoco, però, non è sempre facile: c’è il rischio che possa spegnersi subito, quello che si crei troppo fumo, o persino di peggio… se non avete familiarità con questo strumento, ecco tutti gli step per accendere il camino in casa senza fare troppo fumo e far durare il fuoco a lungo.

Innanzitutto, per accendere il camino con successo bisogna innanzitutto scegliere il combustibile giusto e poi posizionare la legna in modo strategico. Non dovete però, mai, sottovalutare il fuoco: nelle mani sbagliate o inesperte può causare non pochi problemi.

Come accendere il camino?

Caminetto acceso
Caminetto acceso

• Il primo step è una buona combustione iniziale. Questo passaggio è fondamentale perché farà sviluppare più fiamme e aiuterà la legna ad ardere lentamente. Per fare ciò potete utilizzare dei vecchi giornali (non patinati, come le riviste di moda, per capirci) o della paglia e dei rametti.

Un segreto per accelerare la combustione è quello di utilizzare i gusci di noci o di nocciole: questi, avendo dell’olio, fanno in modo che il fuoco divampi più in fretta. Posizionateli dunque, insieme alla carta di giornale o ai legnetti.

• Il secondo step consiste nel posizionare i legnetti che prenderanno fuoco per primi. Questi non devono essere verdi né troppo grandi, altrimenti faranno fatica a prendere fuoco. Posizionateli in modo orizzontale sopra i fogli di giornale cercando di creare una base stabile che darà fuoco alla legna.

• Terzo step: appoggiate uno o due tronchi grandi sulla base, cercando di dar loro la forma di una capanna. È importante lasciare dei buchi tra la legna in modo che possa circolare l’aria (l’ossigeno è fondamentale per la combustione, ovviamente!).

• Il quarto e ultimo step prevede il controllo del colore del fumo. Se questo è nero vuol dire che non c’è abbastanza aria, e quindi dovete muovere un po’ la legna per far girare meglio l’aria.

Ricordatevi, infine, di tenere sempre pulito il caminetto e di effettuare una manutenzione regolare, altrimenti non riuscirete ad ottenere un fuoco vivo e duraturo.

ultimo aggiornamento: 22-10-2019

X