Vediamo come si presenta una cisti ovarica, da quali sintomi sono accompagnate e quali terapie e trattamenti sono necessari.

Quando si parla di cisti ovarica bisogna fare una distinzione in base alla formazione di queste cisti. Nella maggior parte dei casi, infatti, la presenza di cisti ovariche è piuttosto comune e la loro presenza non causa nessun sintomo. In questo caso si parla, infatti, di cisti funzionali, che non richiedono nessun trattamento e che tendono a regredire così come si sono manifestate. Talvolta la comparsa di queste cisti può, invece, essere associata a disturbi tra i quali bisogna citare sicuramente l’endometriosi.

Cisti ovariche: sintomi

Le cisti funzionali spesso derivano da un follicolo, che invece di seguire il suo corso, continua a svilupparsi ed accumulare al suo interno liquido. Per lo più in questi casi la presenza di cisti alle ovaie non è collegata alla manifestazione di alcun sintomo. Proprio per questo motivo, infatti, ci si accorge della loro presenza solo durante esami di controllo. Si possono, però, accusare dei disturbi nel caso in cui le cisti siano particolarmente grandi.

attrezzatura esame ecografia
attrezzatura esame ecografia

In questo frangente può capitare di accusare gonfiore all’addome o dolori durante i rapporti. In certi casi si può notare un aumento del bisogno di urinare qualora la cisti vada ad esercitare una pressione sulla vescica. Allo stesso modo si possono accusare dolori nella zona pelvica, mentre nel caso in cui la cisti dovesse rompersi, l’evento sarebbe accompagnato da un dolore acuto e intenso.

Cisti alle ovaie: terapie e trattamenti

Le forme più comuni di cisti vengono classificate come “funzionali” e il loro decorso è quello di riassorbirsi entro qualche mese. In questi casi non si prescrive alcuna terapia, ma si tiene sotto controllo l’evoluzione della situazione attraverso controlli periodici, in cui la paziente viene sottoposta a ecografie. Nella maggioranza dei casi, circa l’80%, la risoluzione è, infatti, spontanea.

Pancia
Pancia

In alcuni casi le cisti causate dall’endometriosi o le cisti particolarmente voluminose possono richiedere un intervento chirurgico. Altri casi in cui è possibile dover ricorrere alla chirurgia sono eventuali rischi di complicanze. In queste eventualità spesso si procede solo all’asportazione della cisti che avviene con un intervento poco invasivo, la laparoscopia.


Dermatite nel neonato: quali zone colpisce e come si presenta?

Quello che c’è da sapere sull’endometriosi e i suoi sintomi