Cinque cose da fare a Sarajevo

Hai in programma un viaggio a Sarajevo? Ecco alcuni consigli su cosa fare: da un salto nel quartiere turco di Bascarsija sino al mercato di frutta e verdura

chiudi

Caricamento Player...

Il quartiere turco di Bascarsija

Una volta giunti a Sarajevo la vostra visita non può non partire dalla zona di Bascarsija. Trattasi del celebre quartiere turco considerato uno dei luoghi più affascinanti e colorati della capitale. Qui, infatti, è possibile passeggiare per piccole stradine e scoprire così la vita delle persone del posto. Tra bazar, negozi di piccoli artigiani, baretti, caffè e ristoranti è bellissimo perdersi tra le viuzze che sapranno regalarvi sensazioni davvero uniche.

Il mercato di Sarajevo  e il Museo della Guerra

Un altro luogo da visitare è il mercato coperto di Sarajevo, la cui storia è fortemente legata alla tragedia del 1994. Il 5 febbraio del 1994 una bomba colpisce il famoso mercato della città causando la morte di 68 persone e più di 140 feriti. Oggi il mercato continua ad esserci, tutti i giorni dalle ore 8.00 alle 17.00 (domenica solo mezza giornata), per celebrare la rivincita, ma allo stesso tempo ricordare chi non c’è più. Qui è possibile acquistare frutta, verdura e prodotti tipici locali. Nella zona dell’aeroporto, invece, è possibile visitare il Museo della Guerra. Si tratta di un tunnel costruito dai soldati bosniaci durante l’assedio che consentiva di collegare la città di Sarajevo con il resto del mondo. Degli 800 metri di tunnel conosciuto come quello “della salvezza” oggi è possibile visitarne solo 18; un breve percorso che consente ugualmente al visitatore di comprendere cosa significa muoversi durante il periodo dell’assedio. Nel tunnel, oggi adibito a Museo, è possibile ritrovare gli strumenti utilizzati durante la costruzione e guardare delle foto dell’epoca. Non solo è possibile anche assistere ad un documentario che testimonia la costruzione e le difficoltà di movimento dei soldati. Un’esperienza davvero toccante. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16.

(fonte foto: Facebook)