Chiara Ferragni, attraverso Instagram, ha reso pubblico un favoritismo: la nonna di Fedez è stata vaccinata solo grazie alla loro popolarità.

Attraverso il suo profilo Instagram, Chiara Ferragni ha denunciato un modus operandi tutto italiano che fa davvero accapponare la pelle. La nonna di Fedez, stando al suo racconto, è stata sottoposta al vaccino anti Covid-19 soltanto grazie alla loro popolarità. L’imprenditrice digitale ha riflettuto a lungo prima di rendere pubblica la faccenda, poi ha deciso di farlo. Non solo, ha anche lanciato un chiaro appello a Mario Draghi. Da sottolineare il fatto che nonna Lucia avesse diritto al vaccino vista l’età, ma i ritardi dell’ASL non avevano ancora reso possibile farlo.

Chiara Ferragni denuncia un favoritismo

La gestione italiana della campagna vaccinale ha infinite pecche e questa non è una novità. Così come non lo è il fatto che alcune persone vengano vaccinate anche senza reali problematiche di fondo. Non è il caso della signora Luciana, nonna 80enne di Fedez. L’anziana, così come tutti i nonni d’Italia, ha diritto al vaccino perché appartiene alla categoria più fragile. Eppure, sono milioni gli anziani che stanno ancora aspettando il loro turno. Qualche giorno fa, Federico Lucia ha condiviso con i fan il messaggio che sua nonna aveva ricevuto da parte della Regione Lombardia: il suo appuntamento per il vaccino era stato ancora una volta posticipato.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni

A distanza di qualche giorno da quel messaggio, però, la signora Luciana è stata chiamata dalla Asl. Il motivo, stando allo sfogo di Chiara Ferragni su Instagram, è molto semplice: la nonna ha ricevuto un appuntamento immediato solo perché lei e suo marito hanno denunciato l’accaduto sui social.

Oggi la nonna di Fedez farà il vaccino e sapete perché? Perché dopo le mie stories di critica alla gestione dei vaccini di ieri, un addetto alla vaccinazione ha chiamato nonna Luciana chiedendo ‘Lei è la nonna di Fedez? Alle 12 può venire a fare il suo vaccino’“, ha scritto l’imprenditrice digitale.

La rabbia di Chiara Ferragni

La Ferragni è arrabbiata e indignata e non lo nasconde. Nonna Luciana farà il vaccino, ma quello che lei e Fedez volevano ottenere non era soltanto questo.

Se ieri ero arrabbiata oggi lo sono ancora di più pensando che ne aveva diritto da mesi, ma riesce a farlo rispettare solo perché qualcuno ha paura che io possa smuovere l’opinione pubblica“, ha tuonato Chiara.

La sua denuncia fa davvero accapponare la pelle, ma non è la prima volta che nel Bel Paese assistiamo inermi a favoritismi. I Ferragnez non volevano ottenere un diritto solo per loro, ma per tutti i nonni d’Italia. Si tratta di “diritti calpestati” e l’imprenditrice digitale ha deciso di denunciare pubblicamente quanto accaduto.

L’appello a Mario Draghi

Chiara poi fa una panoramica della situazione italiana in merito all’emergenza sanitaria. Da oltre un anno siamo tutti chiusi in casa, ma la pandemia non accenna a diminuire. In tutto ciò, cosa fa l’Italia?

Sono delusa, dispiaciuta amareggiata e anche un po’ inca**ata nel leggere ancora di altri 500 morti solo ieri. (…) Vedere l’Europa a corto di vaccini è desolante. Vedere la Lombardia che fa un casino dietro l’altro è scoraggiante. (…) Siamo indietro con le vaccinazioni nonostante siamo stati i primi in Italia a trovarci in questo casino e a causa vostra saremo gli ultimi a uscirne“, ha tuonato la moglie di Fedez.

La sua denuncia termina con un chiaro appello a Mario Draghi:

Questo appello lo faccio a Mario Draghi, persona che stimo e alla quale va il mio supporto e comprensione perché non posso nemmeno immaginare quanto è incasinata la situazione che ha ereditato (…) Basta chiacchiere! Bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare perché la gente è stanca! Vogliamo tornare ad essere orgogliosi di essere lombardi, italiani, europei. Perché oggi non siamo più certi di poterlo essere“.

Le parole di Chiara di certo alzeranno un polverone, speriamo solo che servano a qualcosa.

TAG:
Chiara Ferragni

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


Elio: “Ho un figlio autistico, lo Stato li condanna a una non vita”

Uomini e Donne, Sossio e Ursula senza lavoro per il Covid: “Ecco come guadagniamo”