Un nome breve e semplice per una leggenda intramontabile e prismatica nella storia della musica: tutto sui Queen, da Freddie Mercury alle rivelazioni di Brian May…

I Queen sono una delle band più famose di tutti i tempi, e la loro storia di gloria si intreccia con il dramma del suo leader, Freddie Mercury, e del dolore che la sua morte ha provocato negli altri membri del gruppo – Brian May, Roger Taylor e John Deacon – e in milioni di fan in tutto il mondo. Ecco chi erano e chi sono diventati, prima e dopo la scomparsa del cantante che ha fatto la storia del rock.

Chi sono i Queen: la biografia della band

I Queen sono nati a Londra nel 1970, dall’incontro del cantante e pianista Freddie Mercury (vero nome Farrokh Bulsara) con il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor. La formazione storica si è poi completata nel 1971 con l’ingresso di John Deacon, bassista.

Oltre 300 milioni di dischi venduti nel mondo ne hanno fatto la band tra le più amate e seguite di tutti i tempi, le cui canzoni continuano a emozionare sulla scia di un successo che non conosce eguali nella storia del rock. Bohemian Rhapsody è tra i brani di punta del gruppo, come Somebody to Love, We Are the Champions, Love of My Life, Don’t Stop Me Now, We Will Rock You, Who Wants to Live Forever, I Want It All, The Show Must Go On, Radio Ga Ga, Innuendo, A Kind of Magic, Another One Bites the Dust, I Want to Break Free, per citare solo alcune delle grandi tracce della loro imponente discografia… La loro prima raccolta, Greatest Hits del 1981, è stato l’album più acquistato in assoluto nel Regno Unito, con oltre 6 milioni di copie vendute.

Queen
Fonte foto: https://www.amazon.it/Greatest-Hits-Queen/dp/B01MF72HSY/

La band è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame di Cleveland e nella UK Music Hall of Fame, forte di una carriera stellare che ha visto il mondo dei Queen attraversare continenti e cuori con un carico di potenza e innovazione artistiche senza precedenti. I loro concerti (707 in 26 nazioni tra il 1971 e il 1986) sono considerati come successi irripetibili, con una fusione di musica e spettacolo teatrale che ha il sapore del mito. Ancora oggi, la loro esibizione al Live Aid del 1985 è considerata una delle migliori performance rock della storia!

La morte di Freddie Mercury, avvenuta il 24 novembre 1991 a causa dell’Aids, e il ritiro di John Deacon nel 1997 hanno costituito un’importante battuta d’arresto nella produzione musicale dei Queen. Brian May e Roger Taylor, sepur devastati dal lutto e dalla frattura nel gruppo, hanno continuato a suonare insieme, formando con Paul Rodgers, a partire dal 2005, i Queen + Paul Rodgers (collaborazione tramontata nel 2009) e, dal 2011, i Queen + Adam Lambert.

Queen: la band in 13 curiosità

– Il nome “Queen” fu proposto da Mercury: “È un nome corto, semplice e facile da ricordare ed esprime poi quello che vogliamo essere, maestosi e regali. Il glam è parte di noi e vogliamo essere dandy“.

– Per Bohemian Rhapsody, brano di circa 6 minuti scritto da Freddie Mercury eletto a canzone simbolo del progetto artistico dei Queen, furono necessarie 3 settimane di registrazioni e inizialmente i produttori sostenevano non fosse pubblicabile per via della sua eccessiva durata. Si rivelò un successo senza precedenti. Il videoclip fu tra i primi nella storia della musica, il primo in assoluto nel rock.

A Night at the Opera fu uno dei dischi più costosi dell’epoca e segnò il più grande successo della band, con una incredibile architettura che fonde rock e opera lirica.

– Nel 1987, i Queen ricevettero l’Ivor Novello Awards per il loro “fondamentale contributo alla musica inglese“.

– L’album A Kind of Magic contiene brani a comporre la colonna sonora di Highlander – L’ultimo immortale, tra cui Princes of the Universe.

– Il Magic Tour fu la loro più grande e spettacolare serie di concerti, con il palco più grande mai costruito e un impianto luci altamente computerizzato. Nelle sue 26 date, raccolse circa 1 milione di spettatori. L’11 e 12 luglio 1986, i Queen al Wembley Stadium si esibirono davanti a 70mila persone per ciascuna serata, consacrando a due giorni come i live più famosi e celebrati nella loro carriera con Freddie Mercury a chiudere la scena, sulle note di God Save the Queen, vestito da re, con pelliccia e corona.

– Il 14 gennaio 1991, pochi mesi prima della morte di Mercury, uscì Innuendo, in cui è impresso lo storico assolo di flamenco eseguito da Steve Howe e Brian May.

– Il 23 novembre 1991 Freddie Mercury annunciò al pubblico, attraverso un comunicato, di essere risultato positivo al test dell’HIV e di essere malato di Aids. Il giorno dopo, il suo decesso a soli 45 anni, a causa di una broncopolmonite alimentata dalla malattia.

– Brian May ha dipinto la morte del frontman e amico Freddie Mercury come un dramma mai superato, rivelando di essersi trovato a un passo dal baratro e di aver sentito come “finita” la sua stessa vita: “Non ho mai passato un solo giorno senza pensare a lui“. I restanti membri dei Queen reagirono al lutto con una pausa, e nel 1992 organizzarono un concerto dedicato alla sua memoria a Wembley, il Freddie Mercury Tribute Concert. L’evento fu visto in tv da oltre 1 miliardo di persone.

– Il bassista John Deacon fece la sua ultima apparizione con il resto della band nel gennaio 1997, al Ballet for Life – Music by Queen & Mozart a Parigi. Ha lasciato la musica per lavorare come imprenditore.

– Lo stemma dei Queen, conosciuto anche con il termine inglese “Queen Crest”, fu disegnato da Freddie Mercury a ridosso dell’uscita del primo album della band. L’immagine include i segni zodiacali dei 4 componenti della band: 2 leoni rampanti, che identificano Taylor e Deacon, presidiano la corona della regina al centro di una “Q” (Queen), sormontata da un granchio color bronzo metallico che indica il segno di May, il Cancro. 2 fate bianche rappresentano la Vergine, che identifica Mercury. Presente una grande fenice con le ali spiegate, simbolo di rinascita, immortalità e speranza.

Bohemian Rhapsody è il titolo del film del 2018 che narra le vicende della band e di Freddie Mercury, interpretato da Rami Malek, con Gwilym Lee, Ben Hardy e Joseph Mazzello rispettivamente nei panni di May, Taylor e Deacon. La pellicola ha incassato 4 Oscar nell’edizione 2019.

– In 50 anni di carriera i Queen hanno pubblicato 40 album tra studio, live e raccolte.

Fonte foto: https://www.amazon.it/Greatest-Hits-Queen/dp/B01MF72HSY/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 03-10-2021


Tutto su Paolo Ricca: ecco chi è l’attore

Sapevi che ha una passione per il calcio? Tutto su Enrico Lucci!