È divenuto una vera star del web grazie alla sua campagna pro vaccini e contro le bufale in ambito medico: ecco quello che non sai su Roberto Burioni.

Per molti anni ha portato avanti la sua professione di medico senza destare alcun scalpore, ma di recente il suo nome è finito sulla bocca di tutti: stiamo parlando di Roberto Burioni, immunologo e paladino della verità in ambito scientifico. Si è fatto conoscere principalmente per la sua campagna a favore delle vaccinazioni, portata avanti sulle sue pagine social. E anche nel momento in cui il Coronavirus è esploso ha fatto parlare di sé. Scopriamo qualcosa in più sul suo conto.

Roberto Burioni, la biografia

Nato a Pesaro il 10 dicembre 1962, sotto il segno zodiacale del Sagittario, Roberto Burioni ha sempre avuto una mente brillante. Si è diplomato al liceo classico di Urbino e poi ha proseguito gli studi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, laureandosi in Medicina e Chirurgia nel 1987.

Roberto Burioni
Roberto Burioni

In seguito si è specializzato in Allergologia e Immunologia clinica presso l’Università Politecnica delle Marche e ha preso un dottorato di ricerca in Scienze microbiologiche presso l’Università degli Studi di Genova. Ma il suo percorso di studi non è certo finito qui: ha trascorso diverso tempo all’estero, tra il CDC di Atlanta, l’Università della Pennsylvania e quella della California.

Tornato in Italia, Roberto Burioni ha lavorato come ricercatore in vari istituti universitari, per poi diventare professore presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Inoltre coordina anche un laboratorio di ricerca immunologica, dove ha messo a punto terapie che fanno uso di anticorpi monoclonali. In qualità di virologo, spesso è ospite televisivo di trasmissioni quali Che Tempo Che Fa, di Fabio Fazio. Nel giugno 2020, però, i suoi “compensi d’oro“, in particolare alla sua società, sono stati al centro di un’inchiesta portata avanti da L’Espresso. Dopo questa vicenda, Burioni uscì di scena dalla tv… per poi tornare in autunno.

Vaccini e Coronavirus: Roberto Burioni sui social

Se il suo curriculum professionale è davvero notevole, la fama per Burioni è arrivata sul web, in maniera forse inaspettata. Il suo profilo Facebook si è infatti trasformato in una vera e propria pagina dedicata alla divulgazione scientifica, in particolar modo alla pratica vaccinale – cui è fortemente favorevole.

Star dei social network, dunque, non solo per il suo impegno: Burioni è conosciuto anche per le sue risposte sagaci e ciniche, tanto da essersi aggiudicato la qualifica di blastatore (da “to blast”, che può essere tradotto come la pratica di distruggere con risposte sarcastiche i propri detrattori). Inoltre il medico è famoso per i suoi libri: ha scritto Il vaccino non è un’opinione, La congiura dei somari, Balle mortali e Omeopatia. Bugie, leggende e verità.

Nel febbraio del 2020 ha fatto polemica il suo “signora” rivolto alla dottoressa Gismondo dell’ospedale Sacco di Milano. Con un altro tweet, Burioni ha corretto il tiro. Il motivo del contendere? Il fatto che Burioni abbia da subito sottolineato la pericolosità del virus, parlando della necessità di quarantena anche in tempi non sospetti, e che la dottoressa del Sacco abbia invece invitato alla calma, sottolineando come la banale influenza abbia fatto più vittime.

La vita privata di Roberto Burioni (e dove abita)

Burioni, impegnato nelle sue mille attività, è stato per tanti anni uno scapolo convinto. Ma il destino lo ha portato ad innamorarsi di Annalisa Rossi, una donna che conosceva da tutta la vita. Lei, un avvocato di Fermignano – paese in cui entrambi sono cresciuti – gli ha fatto perdere la testa. Oggi hanno anche una splendida bambina, Caterina.

Non sono molte altre le informazioni che abbiamo sulla sua vita privata: Roberto Burioni vive a Milano e in anni recenti è stato accusato di conflitto di interessi. Alcuni antivaccinisti hanno esposto l’idea che il medico potesse guadagnare soldi dalla sua attività pro vaccini, perché titolare di un brevetto particolare. In realtà si tratta di un brevetto inerente terapie con anticorpi monoclonali, quindi non trarrebbe alcun vantaggio dalle vaccinazioni.

6 curiosità su Roberto Burioni

-È uno sfegatato tifoso della Lazio.

-È ipocondriaco, ha il terrore della morte e… degli aghi!

-Da ragazzino sognava di diventare un grande pianista ed era pronto a frequentare il Conservatorio. Ma suo padre, medico condotto, lo ha convinto a seguire le sue orme.

-Nel 2018 ha aperto un sito web dedicato al fact checking in ambito scientifico.

-È stato il fondatore dell’Associazione Patto per la Scienza.

-Nel momento in cui in Italia si è diffuso il Coronavirus, nel 2020, ha pubblicato un libro i cui proventi andranno in beneficenza per la ricerca su quel virus.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Roberto Burioni

ultimo aggiornamento: 25-09-2020


Paolo Camilli, l’attore comico che ha conquistato il web

Giorgio Marchesi: ecco chi è l’attore de L’allieva