Chi è Paolo Palumbo: vita privata, carriera e malattia del giovane chef

Paolo Palumbo: il giovane chef malato di SLA commuove Sanremo Giovani

A 17 anni ha scoperto di essere malato di SLA, ma da grande appassionato di musica ha deciso di partecipare a Sanremo Giovani: ecco chi è Paolo Palumbo.

Aveva un grande sogno, quello di diventare chef. Ma la malattia lo ha posto di fronte ad ostacoli imprevedibili, e Paolo Palumbo ha tirato fuori una grinta travolgente. Grazie a una forza di volontà incredibile e all’aiuto di suo fratello Rosario, è riuscito a raggiungere alcuni importanti traguardi. E addirittura è arrivato sul palco di Sanremo Giovani!

Chi è Paolo Palumbo: la vita privata

Classe 1997, Paolo Palumbo è nato a Oristano. Sulla sua vita privata non abbiamo molte informazioni, a partire dalla data di nascita completa. I suoi profili social, e in particolare la pagina Facebook che gestisce, sono infatti dedicati alle sue grandi passioni e alla sua lotta contro la malattia. Infatti, all’età di 17 anni Paolo ha fatto una terribile scoperta.

Il giovane è da sempre appassionato di cucina, amore trasmessogli da suo padre che fa il cuoco da una vita. Per questo motivo aveva in mente di iscriversi all’Accademia di Gualtiero Marchesi, con l’obiettivo di diventare un grande chef. Ma mentre si preparava per l’esame di ammissione ha iniziato ad avere problemi al braccio destro. Ha avuto inizio un lungo calvario, che nel 2016 ha portato alla diagnosi: sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Paolo è uno dei malati più giovani d’Europa, e per lui il destino sembrava ormai segnato. Eppure, nonostante i sintomi sempre più invalidanti, è riuscito a proseguire nel suo cammino. Grazie all’aiuto di suo fratello Rosario – che rappresenta le sue braccia e le sue mani – è stato ugualmente ammesso all’Accademia di cucina. Ma non è finita qui.

Paolo Palumbo a Sanremo Giovani

Paolo Palumbo
Fonte foto: https://www.instagram.com/paolopalumbofinalmenteabili/

Nel 2019, Paolo ha deciso di concedere un po’ di tempo ad un’altra delle sue grandi passioni, la musica. E così si è presentato alle selezioni per Sanremo Giovani con il brano Io sono Paolo, interamente scritto di suo pugno. Al suo fianco, l’artista oristanese Cristian Pintus, conosciuto con lo pseudonimo Kumalibre, che lo ha aiutato a prepararsi per questa incredibile esperienza.

Grazie a un comunicatore vocale, che gli ha restituito la capacità di esprimersi a parole dopo un anno dalla compromissione delle sue corde vocali, Paolo ha dimostrato di saperci davvero fare. Amadeus e la commissione musicale di Sanremo hanno premiato la sua tenacia, e gli hanno concesso l’ingresso tra i prefinalisti di Sanremo Giovani.

3 curiosità su Paolo Palumbo

•Uno dei suoi progetti a sostegno dei malati di SLA riguarda proprio il mondo della cucina. Ha pubblicato un libro intitolato Sapori a colori, contenente ricette semplici che possono essere omogeneizzate e somministrate anche tramite sondino.

•Con suo padre, ha creato un tampone che, a contatto con le papille gustative, permette di assaporare il gusto di alcuni dei piatti più buoni.

•Ama molto gli animali, e in particolare i cani.

Fonte foto: https://www.instagram.com/paolopalumbofinalmenteabili/

ultimo aggiornamento: 23-10-2019

X