Chi è Guè Pequeno giudice di Top DJ 2016, il nuovo talent show di Italia 1

Il nuovo talent show di Italia 1, Top DJ 2016, mira a far vincere ai 10 concorrenti in gara, a suon di prove assegnate dal coach Tommy Vee, un contratto discografico con Warner Music Italia. Il talent, che per sette settimane andrà in onda ogni domenica sera in seconda serata, vede la partecipazione in qualità di giudici di tre importanti esponenti del mondo della musica: David Morales, vincitore di un Grammy Award come remixer, Syria, famosa cantante italiana e Guè Pequeno.

Chi è Guè Pequeno giudice di Top DJ 2016, rapper e produttore discografico

Nato a Milano il giorno di Natale del 1980, Gué Pequeno è un famoso rapper e produttore discografico italiano che fa parte del gruppo rap Club Dogo e del collettivo Dogo Gang. La carriera di Gué, affetto dalla nascita da blerofaptosi all’occhio sinistro, comincia nel 1997 quando conosce Jack La Furia. La loro amicizia li porterà alla formazione dei Sacre Scuole insieme a Darghen D’amico. Dopo aver pubblicato un disco, il trio si scioglierà per contrasti tra D’Amico e La Furia e i rimanenti componenti, insieme a Don Joe, formeranno i Club Dogo.

Chi è Guè Pequeno il giudice di Top DJ 2016, membro dei Club Dogo

Nel 2011 esce il primo album da solita di Gué Pequeno, intitolato ‘Il ragazzo d’oro’, che vede la partecipazione di diversi rapper di successo come Marrakesh e Jake la Furia, mentre sempre nello stesso anno fonda la sua casa discografica indipendente ‘Tanta roba’, il cui primo disco pubblicato è stato ‘Il mio primo disco da venduto’ di Fedez. Nel mese di giugno 2014 Bravo ragazzo è stato certificato disco di platino per aver raggiunto la soglia delle 50.000 copie vendute. Gué Pequeno nello stesso periodo è tornato in studio con i Club Dogo per registrare il settimo album in studio, che si chiama ‘Non siamo più quelli di Mi Fist’ anticipato dai singoli Weekend e Fragili, seguito poi da un tour promozionale che ha avuto luogo tra il 2014 e il 2015.


Cinque cose da vedere a Kiev

Idee per un weekend a Riga