Dai primi passi di danza classica al nome d’arte coniato per lei da Italo Calvino: scopriamo tutte le curiosità nella storia, tragica e straordinaria, di Delia Scala…

Chi era davvero Delia Scala ce lo dicono i suoi successi artistici e le curiosità che costellano la coloratissima galassia della sua esistenza: partiamo alla scoperta della biografia e del mito di un’attrice strepitosa, stella intramontabile dello spettacolo il cui percorso è stato funestato da devastanti tragedie familiari.

Chi era Delia Scala e dove viveva?

Delia Scala è nata a Bracciano (Roma) il 25 settembre 1929, sotto il segno della Bilancia, ed è morta a Livorno, dove viveva da tempo, il 15 gennaio 2004.

È stata una delle attrici e ballerine italiane più amate, volto indiscusso e indimenticabile della commedia musicale e del teatro. Artista a tutto tondo, capace di aggredire e divorare il palcoscenico tra ballo, canto, recitazione come poche al mondo, è rimasta impressa nel cuore degli italiani.

La vita privata di Delia Scala

Nella vita privata di Delia Scala c’è il primo matrimonio con Nikiphorus Melitsanos, un militare di origine greco-cipriota che la famiglia dell’attrice, offrendogli un nascondiglio, avrebbe aiutato a scampare alla cattura delle milizie nazifasciste. Nel 1946 le nozze, dopo 2 anni la separazione e nel 1956 l’annullamento.

C’è poi il capitolo del fidanzamento con il pilota di Formula 1 Eugenio Castellotti, morto a 27 anni, in costanza della relazione con Delia Scala, in un tragico incidente in pista.

Nel 1966 il secondo matrimonio, quello con un ex fidanzato con cui ha avuto una storia dopo la fine del primo: Pietro Giannotti. Nel 1982, un’altra tragedia nella sua esistenza: il fidanzato è morto in un terribile incidente, travolto da un’auto pirata mentre era in sella alla sua moto.

Arturo Fremura è stato l’ultimo marito dell’artista, sposato nel 1984. Armatore ed editore, vedovo da pochi anni, ha vissuto con lei e i figli di lui a Livorno. Nel 2001 la sua morte, lutto che ha segnato nuovamente il cuore dell’attrice.

7 curiosità su Delia Scala

– Delia Scala è lo pseudonimo di Odette Bedogni (il primo con cui ha debuttato al cinema è stato Lia Della Scala), scelto per lei da Italo Calvino. A scegliere il suo vero nome, invece, sarebbe stata la madre, Iolanda Redighieri, affezionata alla canzone Odette, bella pupa di Parigi.

– Seconda di quattro figli, una sorella e due fratelli, ha perso tragicamente il padre, Aldo Bedogni, investito da un’auto sotto casa all’età di 41 anni.

– Nel 1974 le è stato diagnosticato un tumore al seno, malattia che nel 2002 l’avrebbe colpita nuovamente con una recidiva rivelatasi fatale.

– Ha studiato danza classica fin dall’infanzia, iniziando a frequentare la scuola del Teatro La Scala di Milano (città dove si era trasferita con la famiglia) all’età di 8 anni.

Roma ore 11, Napoli milionaria, Prima del diluvio, Bellezze in bicicletta, Signori si nasce (con il grande Totò) sono solo alcuni dei tanti film in cui ha recitato.

– Non solo cinema e teatro, ma anche televisione: nel 1959 ha condotto Canzonissima, con Paolo Panelli e Nino Manfredi. Nel 1970, è stata protagonista del varietà Signore e Signora, in scena insieme a Lando Buzzanca.

– Ha lasciato le scene a 40 anni, rifiutando anche Hollywood. Il suo ritorno in tv è arrivato nel 1981, nello sceneggiato Casa Cecilia. Io e la mamma la sua ultima fiction, nel 1999, al fianco di Gerry Scotti.

Il lockdown fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

7 minuti al giorno per un corpo da favola!

TAG:
Delia Scala

ultimo aggiornamento: 12-06-2020


Kerima Simula: scopri chi è la moglie di Claudio Lippi

Alessandra Mussolini, tutto sulla nipote di Benito…che ha litigato con Jim Carrey