C’era attesa per la Chanel Métiers d’Art 2020-2021, che ha rivisitato i capi senza tempo della maison. Trasmessa sui social, non ha deluso le aspettative.

Come per molti brand, anche per Chanel è arrivata la difficile ma obbligata scelta di sfilare a porte chiuse e senza pubblico: la Chanel Métiers d’Art 2020/2021 infatti è stata registrata e filmata il 1 Dicembre, ed è stata rilasciata poi sui social due giorni dopo. Un sogno per chi avrebbe sempre voluto curiosare e vedere più da vicini i capolavori tessili della maison, che trasudano di storia, bellezza, viaggio ed immaginazione. Il fil rouge di questa collezione è stato il sogno, concederci almeno con la fantasia di andare lontano e immaginare quello che la moda e l’artigianalità può.

Chanel: cos’è la sfilata 2020-2021 Métiers d’Art

La Métiers d’Art è una sfilata speciale per Chanel, che quest’anno prende il nome de Le Château des Dames . La manifattura, la sartorialità, l’attenzione quasi maniacale ad ogni dettaglio e al desiderio smisurato di perpetuare il mito di Mademoiselle nella moda e nel costume, sono tutti gli elementi che distinguono questo tipo di sfilata dalle altre.

Una celebrazione, un omaggio, che così diventa un viaggio nella moda, nella cultura, nella poesia e nell’arte. Ecco perché non poteva che essere scelta come location la cornice del Château de Chenonceau, un castello rinascimentale nella Valle della Loira in Francia. Si racchiudono così in passerella i segreti delle diverse maisons d’art legate a Chanel.

I capolavori di Mademoiselle che si reinventano nel tempo

Le dame di Chanel sono donne emancipate, amano mescolare lo chic con il rigore, e la sfilata dei tailleur iconici a quadrettini, con taschini e dettagli preziosi ne sono l’emblema perfetto. Il dress code del bianco e nero si accosta a colori pastello, fedeli sempre a nuance delicate e fredde.

Ma quegli stessi tailleur nel corso del tempo hanno dato vita a body suit short e a gonne mini, cavalcando la tendenza ma fedelissimi sempre alla loro essenza primordiale.

Poi ci sono i bottoncini dorati e preziosi, i colletti e doppipetti, cappotti dritti e rigorosi ma che si fanno anche lunghi e leggiadri concludendosi in scenici movimenti voilant. Il sogno da sempre è proprio questo, essere dame pronte a presenziare nella favola di un castello quanto nella vita di tutti i giorni.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 08-12-2020


Moncler acquisisce Stone Island: operazione da oltre un miliardo di euro

In strada o in ufficio: pronte a scattare con i combat boots