La cellulite è il nemico numero uno delle donne, ma anche degli uomini: la degenerazione del tessuto sottocutaneo è progressiva e “silente”…

Si manifesta all’esterno con il caratteristico aspetto della pelle “a buccia d’arancia”. Quali sono le principali cause della cellulite? Quali sono i fattori predisponenti e scatenanti? Come si forma la cellulite?

È possibile prevenire e curare la cellulite?

Cellulite: cos’è e cause

La cellulite è una vera e propria patologia che colpisce sia le donne che gli uomini: si tratta di una infiammazione delle cellule dello strato adiposo sottocutaneo.

Le cellule adipose sono “immerse” in una quantità eccessiva di liquido che ristagna nei vasi che perdono elasticità e permeabilità.

Cellulite
Cellulite

Il plasma si deposita nei tessuti circostanti, cagiona gonfiore e contribuisce a formare un tessuto fibroso, accompagnato da dolore.

Con il progredire dei quattro stadi della cellulite, le zone colpite e interessate dai rigonfiamenti perdono tonicità, si manifestano avvallamenti e discromie cutanee.

Per quanto concerne le cause principali, la cellulite può avere diversi fattori predisponenti e scatenanti: stile di vita scorretto, alimentazione errata, sedentarietà, stress ossidativo.

Tra i fattori predisponenti della comparsa della cellulite si ricordano quelli legati alla storia familiare ed all’ereditarietà, quelli legati ad una particolare fase della vita o stato (adolescenza, gravidanza, allattamento, menopausa) e quelli legati all’obesità ed alle alterazioni ormonali.

Oltre a questi fattori predisponenti, si devono considerare anche una serie di fattori scatenanti che possono determinare la comparsa della cellulite:

  • ipotiroidismo
  • terapie ormonali,
  • assunzione di anticoncezionali orali
  • disfunzioni epatiche
  • problemi posturali

Come riconoscere e prevenire la cellulite: stadi

Per prevenire la cellulite, è importante imparare a riconoscerla. Ecco quali sono i quattro stadi della formazione della cellulite, i segni e i sintomi che ne determinano la comparsa.

La prima fase è quella della cellulite endematosa, in cui prevale il ristagno dei liquidi nei tessuti, in questa fase i sintomi sono “silenti”.

Con il progredire della cellulite, il tessuto adiposo è interessato dalla formazione di piccoli noduli, mentre il tessuto connettivo perde sempre più tonicità e si irrigidisce sempre di più.

Nella prima e nella seconda stadiazione (cellulite fibrosa) la condizione è reversibile: si può prevenire con l’acquisto di una buona crema anticellulite che garantisce ottimi risultati e ne contrasta la ricomparsa.

Oltre all’acquisto di una buona crema farmaceutica è importante cambiare stile di vita prestando la massima attenzione all’alimentazione ed all’esercizio fisico.

Se non si previene, la cellulite progredisce: i noduli aumentano di dimensione e si percepisce dolore al tatto.

Possono comparire edemi dei tessuti e si possono riscontrare difficoltà nel prevenirla: la terza fase c.d. cellulite sclerotica molle si evolve nella quarta stadiazione (cellulite sclerotica). Il quadro clinico, purtroppo, diventa irreversibile.

Per questo, è importante imparare a riconoscere i segni della cellulite e cercare di prevenirla fin dalle primissime fasi.

Oltre all’attività fisica, è importante seguire un piano alimentare variegato, sano, ricco di fibre, sali minerali e vitamine: aiuta a migliorare il benessere e la salute del nostro corpo.

Infine, per contrastare efficacemente la cellulite c’è Somatoline, i cui principi attivi (escina e levotiroxina) agiscono già dalle prime fasi e riducono la cellulite in appena due settimane.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 17-10-2018


La meditazione è il rimedio ideale contro lo stress

Shinrin Yoku, il bagno nella foresta: una terapia per mente e corpo