Casalinghe a luci rosse per arrotondare lo stipendio

Insospettabili casalinghe riminesi, sposate e con figli che hanno deciso di ‘arrotondare’ il bilancio casalingo allestendo una cooperativa a luci rosse, all’insaputa dei loro compagni.

chiudi

Caricamento Player...

Le 4 casalinghe hanno tra 24 e 49 anni, 5 figli in tutto e lavori di copertura normalissimi, che svolgono part time per avere il tempo necessario alla più lucrosa attività a luci rosse. Sono cameriere, colf, bariste, baby sitter. Ma quando indossano i panni delle rispettive identità segrete si trasformano in escort.

Per fare economie hanno affittato un piccolo appartamento che costa poco più di 600 eruo al mese, che utilizzano a turno. Fra lavoro di copertura e quello più ‘antico’ le casalinghe incassano 10mila euro al mese.

A portare alla luce della ribalta la loro storia è il giornale “Il resto del Carlino” che ha ovviamente utlizzato nomi di fantasia per raccontare la loro storia.

Una delle 4 casalinghe commenta:

“Da parte di mio marito e dei miei genitori ovviamente non c’è stato alcun collegamento tra quello che hanno letto e la mia persona: non gli passa neanche per l’anticamera del cervello che si parli di me”.

Un’altra delle sexy casalinghe decide di raccontare la sua storia.

“Mi ero stufata della solita vita, guadagnare la miseria di 600 euro al mese pulendo nelle case, che magari arrivavano a 1.000 facendo la cameriera nei fine settimana. Lo scorso novembre, insieme ad un’amica, abbiamo messo un annuncio su un sito web specializzato. Con alcune foto molto esplicite, indicando anche le rispettive specialità. Era il novembre 2013. Le richieste si sono moltiplicate. Un po’ grazie al passaparola tra clienti. Un po’ perché abbiamo aumentato le inserzioni hard sui siti, anche alcuni a pagamento. Dopo neanche un anno abbiamo così tanti clienti, molti dei quali fidelizzati, che possiamo anche permetterci dei ‘no grazie’: Niente stranieri, e neanche anziani”.

Dicono le sexy casalinghe.

“L’importante è che siano educati e puliti, e che paghino, in anticipo, se non li conosciamo. Ai nostri clienti piace il fatto che siamo prostitute non professioniste, casalinghe sposate, con figli. Forse si sentono meno in colpa. I ragazzi tendono a innamorarsi. Vorrebbero fidanzarsi e farmi smettere. Non ci penso neanche. E poi sono sposata. Le tariffe variano da 50 a 100 e 200 euro Per una serata intera io prendo 500 euro. Arriviamo anche a 8-9mila euro al mese”.

I mariti delle casalinghe però non sospettano nulla.

“Diciamo che andiamo a fare la spesa o qualche ora di lavoro a chiamata”. I soldi i mariti dell ecasalinghe nemmeno li vedono: loro giurano di fare questo mestiere solo per assicurare un futuro ai loro figli.