Boom di cani adottati in pandemia tra il 2020 e il 2021 e poi restituiti: il dato e l’ammissione di tanti italiani.

Sono spesso grandi amici e compagni di vita, anche dei Vip che sono pronti a tutto per loro. Parliamo dei cani, i migliori amici dell’uomo. Spesso, però, questa frase non vale al contrario, almeno secondo un recente studio eseguito da Emg different che ha fatto notare come soprattutto tra il 2020 e il 2021, nel corso della pandemia di Covid, molti cani siano stati adottati salvo poi, successivamente, essere restituiti.

Cani adottati e poi restituiti: il motivo e i numeri

Razze di cani
Razze di cani

Come riportato da Repubblica, con l’arrivo della pandemia di Covid-19 c’è stato un vero e proprio boom di adozioni di cani. Numeri davvero impressionanti in Italia dove circa 3,4 milioni di persone, tra il 2020 e il 2021 avevano deciso di trascorrere il periodo del lockdown con un nuovo fedele amico a quattro zampe.

Secondo l’indagine commissionata da Facile.it a Emg different, oltre tre milioni di italiani aveva deciso di adottare un cane in pieno lockdown. Un amore, però, che non è stato duraturo per molti di loro.

Infatti, il dato davvero impressionante, è che oltre 117mila proprietari hanno cambiato idea restituendo l’animale al canile o affidandolo ad un’altra famiglia. Per la precisione il 28,3% di chi ha adottato un cane negli ultimi 2 anni ha rivelato di averlo fatto appositamente per alleggerire il lockdown. Circa 196 mila individui hanno ammesso di averlo preso solo per aggirare i limiti agli spostamenti imposti dal governo in quel periodo (5,7%).

La ragione principale per cui i proprietari, però, hanno adottato un cane e poi lo hanno restituito riguarda la gestione dell’animale e, probabilmente, anche i relativi costi. In questo caso, la percentuale è del 63%. In altri casi, invece, la decisione è stata presa a seguito di danni materiali causati da fido (37%).

Cani e gatti: qualche numero

Sempre secondo il quotidiano Repubblica, “sommando cani e gatti, il numero complessivo di italiani che hanno preso un animale negli ultimi 2 anni sale a poco più di 5 milioni, vale a dire il 23,2% di coloro che hanno un compagno a 4 zampe”. Da precisare come la pandemia sia stata una leva soprattutto per i residenti nel nord ovest. In questo caso la percentuale di chi ha dichiarato di aver preso un animale domestico allo scopo di rendere meno pesante il lockdown è pari al 38,4% contro il 24,5% rilevato considerando tutta Italia.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 09-06-2022


Malattie trasmesse dai gatti: quali sono e come evitarle

Quanto costa un riccio?