Odiate gli sprechi e amate recuperare ogni cosa con il fa da te? Scoprite come realizzare delle candele con olio esausto!

L’olio da cucina usato è uno dei rifiuti da trattare con la massima attenzione e da smaltire correttamente per evitare di inquinare l’ambiente. Oltre a non doverlo versare negli scarichi, ma conferirlo nella frazione dedicata o nei punti di raccolta in base alle disposizioni del comune, si può anche riutilizzare. Per fortuna, infatti, ci sono anche delle alternative per riutilizzare l’olio usato, oggi vedremo come fare delle candele con olio esausto: un sistema pratico e all’insegna del riutilizzo per profumare casa.

Candele fatte in casa con olio: l’occorrente

La prima cosa da fare è trovare dei recipienti adatti per creare le nostre candele fai da te. Potete utilizzare dei bicchieri o dei barattoli di vetro oppure dei piccoli vasetti di ceramica. Dovete anche assicurarvi che l’olio esausto che avete messo da parte sia stato filtrato. Quando mettere da parte l’olio usato ricordate di lasciarlo dapprima raffreddare correttamente e poi filtrarlo in modo da eliminare eventuali residui di cibo e impanatura.

candele
candele

Vi serviranno anche degli stoppini in base al numero di candele che volete realizzare, potete utilizzare del comune filo di cotone. Per finire sarà anche necessario avere della cera di soia che potete acquistare nei negozi di bricolage. Considerate che 1 kg di cera solida di per sé è sufficiente per creare più di un litro di cera liquida. Ora che abbiamo visto tutto l’occorrente, siamo pronti a scoprire come creare le nostre candele con olio esausto.

Come fare candele con olio esausto

La prima cosa da fare è sciogliere la cera di soia a bagnomaria e aspettare che si sciolga completamente. A questo punto si può aggiungere l’olio e volendo aggiunge anche un olio essenziale dalla profumazione a piacimento. Mescolare bene e versare il composto nei recipienti in cui avrete già sistemato lo stoppino.

Per far sì che lo stoppino resti al centro della candela potete legarlo a una matita o ad un bastoncino di legno che sistemerete sopra al barattolo. Quando la candela si sarà solidificata, almeno dopo 24 ore, potrete regolare la lunghezza dello stoppino tagliandone l’eccedenza.

Ecco un video di riepilogo:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-01-2022


Cos’è e da cosa è causata la sindrome di Rebecca?

Segnalibro origami: idee creative per realizzarlo in modo semplice