Quando è sicuro dare la camomilla ai neonati? Ecco cosa bisogna sapere su quale camomilla scegliere e quando si può iniziare ad usarla.

Si può dare la camomilla ai neonati e da quando si può utilizzare? È normale avere dubbi sull’alimentazione del neonato e la maggior parte delle domande che i genitori si fanno ruotano attorno a ciò che il piccolo può mangiare e può bere durante i primi mesi di vita. Si sa che alcune tisane possono essere date anche ai bambini, ma qual è il momento più adatto per utilizzarle? E quale camomilla è meglio utilizzare?

Camomilla per i neonati: quale scegliere

Spesso si sente dire che la camomilla può essere utilizzata per favorire il sonno o per ridurre i problemi dati dalle colichette gassose. In generale, infatti, la camomilla è sicura anche per i neonati e ad eccezione di particolari reazioni allergiche non è associata a disturbi noti. Prima di utilizzarla per i neonati, però occorre tenere presente alcune indicazioni.

Bambino con biberon
Bambino con biberon

Per prima cosa occorre prestare attenzione alla scelta delle camomille per neonati, evitando, infatti quelle solubili, spesso addizionate con zucchero. Meglio preparare la camomilla usando gli estratti senza aggiunta di zuccheri o ancora meglio acquistando direttamente i fiori di camomilla in erboristeria. Per prepararla basta far bollire l’acqua, spegnere il fuoco e versarla in una tazza in cui porremo all’incirca due cucchiaini di fiori di camomilla. Dopo aver lasciato in infusione per circa 3 o 5 minuti occorrerà filtrare con accortezza l’infuso. In ogni caso occorre ricordare che la camomilla, così come ogni altra tisana o bevanda e al pari degli alimenti, non può essere data a qualsiasi età.

Camomilla al neonato di 2 mesi: sì o no?

È bene ricordare che fino al sesto mese di vita l’alimentazione del neonato deve essere esclusivamente a base di latte materno o artificiale. Fino al compimento dei sei mesi, infatti, i bimbi non hanno bisogno di altri alimenti per crescere e svilupparsi in maniera sana. Lo stesso discorso si applica ai liquidi, visto che non si consiglia di offrire al piccolo liquidi che non siano appunto il latte.


L’aloe in gravidanza: utilizzo e controindicazioni

Tante idee per scegliere la frase per il battesimo da madrina e padrino