Beautiful Curvy: parola alle protagoniste del calendario dedicato alle curve

Beautiful Curvy è il calendario dedicato alle donne di ogni forma ma in pochi sanno tutte quello che le protagoniste hanno dovuto affrontare

chiudi

Caricamento Player...

Non serve necessariamente essere una taglia 40 per essere splendide e le curvy di tutto il mondo ce l’hanno fatto capire da tempo, conquistandoci con le loro forme sinuose e procaci e dimostrando di poter arrivare davvero ovunque.

E’ proprio per celebrare la loro bellezza che è tornato per il quinto anno consecutivo il calendario Beautiful Curvy 2017.

Il modello della ragazza da calendario lo conosciamo bene: alta, estremamente provocante e soprattutto magra. Ma come ogni anno per combattere questo stereotipo è tornato il calendario a tutte curve.

Beautiful Curvy è il calendario dedicato alle donne di ogni forma e dimensione arrivato alla sua quinta edizione che, come ogni anno, anche nel 2017 ha celebrato la bellezza delle curve femminili. Le protagoniste sono 29 donne tra i 21 e i 50 anni, dalla 44 fino alla 52, tutte orgogliose di mettere in mostra le imperfezioni e i piccoli difetti in lingerie e abiti sexy. In pochi sanno però che, per arrivare a un risultato simile, queste modelle hanno attraversato momenti terribili, hanno affrontato il bullismo, la malattia ed esperienze drammatiche.

Quasi tutte le protagoniste però hanno nel cuore una storia delicata, toccante e hanno dovuto affrontare bullismo, malattie ed esperienze terribili ma sono riuscite a recuperare la loro autostima proprio grazie al calendario.

Curve orgogliose in lingerie

Fino a 5 anni fa, Fortuna pesava 147 chili, la bulimia e la depressione hanno accompagnato tutta la sua vita ma oggi è riuscita a uscirne, porta la 44 e combatte la sua ansia con coraggio. Gaia, anche lei in sovrappeso fino a qualche tempo fa, aveva paura di essere bullizzata, indossava solo abiti ampi, al mare si vergognava di svestirsi, e, nonostante ciò, si sentiva dire “Arriva il canotto” ogni volta che faceva il suo ingresso in spiaggia. Anche Giorgia ha una storia simile, la chiamavano “boa” o “cicciona” ed è arrivata a odiare la sua fisicità. Insomma, tutte hanno dovuto fare i conti con i chili di troppo, provando imbarazzo, vergogna e anche rabbia verso se stesse per la loro incapacità di dare una svolta alla propria vita.

Grazie al calendario Beautiful Curvy 2017, sono riuscite a fare dei passi importanti verso l’autostima e la fiducia che avevano perso.

Oggi, il loro obiettivo è far capire alle persone che giudicano qualcuno solo per il suo peso che è assolutamente sbagliato e che non fanno altro che creare enormi complessi interiori. La speranza è che riescano a diventare testimonial di una nuova cultura basata sull’amare se stesse così come di è. La bellezza è quella interiore ed è dentro ogni donna.