E’ di Asti la voce italiana di Robin Williams

È astigiana la voce italiana di Robin Williams: Carlo Valli, 71 anni, è stato il doppiatore ufficiale dell’attore americano morto la notte scorsa nella sua villa di Tiburn, in California.

chiudi

Caricamento Player...

E’ piemontese la voce di Robin Williams. Nato ad Asti nel 1943, Carlo Valli si era poi trasferito con la famiglia a Torino ed è apparso per la prima volta in veste di attore all’età di 10 anni, in un lavoro per la nascente televisione in Italia.

Dopo l’Accademia di Arte drammatica, ha recitato in teatro con registi del calibro di Luca Ronconi e Giancarlo Cobelli. Ama raccontare che in famiglia si parlava il piemontese:

“Mia madre mi mandò a lezione da Eugenio Salussolia, regista della radio, affinché imparassi bene l’italiano”.

Intervistato dal sito Globalist.it, Valli ha detto a proposito della morte di Williams:

“Un amico mi ha mandato un mandato un messaggio alle 4 del mattino. Non lo conoscevo di persona però è come se lo avessi conosciuto perché vedendo i film in lingua originale, conosco bene, prima di tutto, la sua voce, ma anche il suo sguardo, il modo in cui crea le emozioni”.

Valli ha dato la sua voce a Robin Williams in quasi tutti i suoi film da Mrs. Doubtfire (interpretazione che nel 1995 gli valse il Nastro d’argento come miglior doppiatore) a Good Morning Vietnam, da L’attimo fuggente fino a Patch Adams e The Butler.

Ed intanto si attende lche venga predisposta l’autopsia sul corpo di Robin Williams. Williams da tempo soffriva di una grave depressione e lo scorso luglio era andato in un centro del Minnesota per disintossicarsi dall’alcol, e non era la prima volta.

Williams, attore premio Oscar, è stato visto vivo l’ultima volta dalla moglie Susan Schneider. Ieri mattina la polizia ha ricevuto una richiesta di soccorso nella quale si sollecitata un intervento per rianimare un uomo che non respirava nell’abitazione dell’attore a Tiburon. Ma al loro arrivo, i paramedici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Si sospetta che l’attore sia morto per asfissia, ma il caso è sotto esame dell’ufficio del procuratore distrettuale.

Emanuela Bertolone.