App per ascoltare musica gratis: dalla famosa Spotify a Jamendo, ecco le migliori applicazioni per poter ascoltare musica senza pagare.

Se cerchi app per ascoltare musica gratis, magari in alternativa a Spotify, questo è l’articolo che può fare al caso tuo! Da anni ormai il mercato dello streaming musicale è esploso, di fatto cambiando, forse per sempre, l’intera filiera musicale e l’industria dell’intrattenimento basato sulle sette note. Se tutti, o quasi, conoscono Spotify, in pochi sanno che di alternative al colosso svedese per poter ascoltare musica gratuitamente non ne mancano. Ecco quali sono le migliori!

Le migliori app musica gratis

La prima applicazione della lista non può non essere Spotify. Nonostante in molti, anche tra gli stessi musicisti, la critichino aspramente, l’app svedese continua a essere il principale punte di riferimento per chi ascolta musica. Disponibile per Android, iOS e Windows 10, può essere utilizzata in versione Premium, sottoscrivendo uno degli abbonamenti disponibili, ma anche gratuitamente, attraverso il piano base, supportato però dalle pubblicità e da una serie di limitazioni.

Spotify
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/musica-sul-tuo-smartphone-spotify-1796117/

La principale alternativa all’applicazione di Daniel Ek è ovviamente di casa Google. Stiamo parlando di YouTube Music, ovvero la piattaforma disponibile per Android e iOS che permette di ascoltare tutto il catalogo musicale della principale piattaforma di streaming video. Il piano base, totalmente gratuito, permette di accedere all’intera libreria, tuttavia con interruzioni pubblicitarie e senza poter ascoltare musica in background, ovvero mentre si utilizzano altre app.

Da un colosso all’altro. Un’altra alternativa tra le più utilizzate in tutto il mondo è Amazon Music. Definirla un’alternativa è in realtà però riduttivo. Come già con YouTube Music, anche in questo caso abbiamo un catagolo talmente ampio da poter competere quasi ad armi pari con l’app verde. Indicato specialmente per chi già è abbonato al servizio Prime, il servizio Music prevede l’ascolto dei brani anche online e senza interruzioni pubblicitarie, per un massimo però di 40 ore mensili.

cuffie console luci
cuffie console luci

E c’è poi SoundCloud, che nell’immaginario collettivo ha preso in un certo senso il posto di MySpace. Si tratta infatti del servizio musicale più utilizzato da artisti e dj emergenti, che proprio sulla piattaforma condividono i propri brani originali, spesso a costo zero sia per l’ascolto che per il download.

App musicale dalla mission simile a quella di SoundCloud è poi Jamendo, disponibile sia per Android che per iOS. Anche in questo caso si tratta di una piattaforma che consente di ascoltare e scaricare migliaia di brani realizzati da artisti di tutto il mondo, senza alcun costo!

Le migliori applicazioni per ascoltare musica

Tra le app musicali gratis più consigliate, ma meno famose rispetto alle precedenti, c’è TuneIn Radio. Si tratta di una piattaforma per Android, iOS e Windows 10 che consente l’accesso a più di 100mila stazioni radiofoniche di tutto il mondo senza alcun costo! Disponibile anche in versione premium (senza banner pubblicitari), è più che soddisfacente per l’ascolto di musica anche nella sua versione free.

Di applicazioni del genere, veri e propri raccoglitori di radio tematiche (o meno) ce ne sono in realtà anche molti altri: da Radio.it a Radio Italia FM, fino ad arrivare a RadioPlayer, l’aggregatore ufficiale creato nel 2020. Basta scegliere il proprio preferito, a seconda anche delle esigenze!

suonare chitarra musica strumento
suonare chitarra musica strumento

Al di fuori del mondo delle radio, va infine segnalata un’applicazione musica per il web dall’idea geniale. Si tratta di Tubeats, una piattaforma che unisce le playlist di Spotify con i video di YouTube, regalando agli utenti l’accesso a un catalogo immenso, probabilmente il più vasto sul mercato. Il tutto con un’interfaccia semplice e in maniera gratuita.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/musica-sul-tuo-smartphone-spotify-1796117/


Cosa significa journaling?

Maturità 2021: due le ipotesi per l’esame di stato