Anna Tatangelo ha raccontato del suo fidanzato Livio Cori, che l’ha fatta rinascere. Ecco com’è andato l’incontro con il figlio Andrea.

Dopo la lunga relazione andata male con Gigi D’Alessio, Anna Tatangelo ha ritrovato il sorriso, non solo grazie a suo figlio Andrea, ma anche a Livio Cori, cantante che le è entrato profondamente nel cuore.

Da un anno, i due hanno una bella relazione e la cantante sembra più felice che mai. In un’intervista a Gente, la Tatangelo ha raccontato del rapper napoletano: “E’ una persona che mi dà tanto, mi fa stare bene, mi ha cambiato. Non in tutto, ma un po’: quando sei in un periodo particolare in cui tutto sembra difficile, una persona che ti fa sorridere e ti mette di buon umore ti serve per andare avanti. E’ una luce che ci voleva nella mia vita”

Anna ci è andata piano con Livio Cori, non si è buttata a capofitto in questa relazione, soprattutto per il piccolo Andrea: “Mi dicevano: ‘Ma perché non ti diverti e basta?’. Ci devi essere portata. Io non sono così. E siccome all’inizio di una storia non hai la palla di cristallo, ho fatto le cose con calma. Lui vive a Napoli, dove ha la sua famiglia e il suo lavoro, io vivo a Roma. . Stiamo assieme quando possiamo, da soli o con il bambino: usciamo a cena, andiamo al cinema. Con la massima serenità. L’impegno c’è, è fuori discussione, altrimenti non avrebbe conosciuto mio figlio. Dove andremo non so”

Per la Tatangelo, quindi, sembra davvero un periodo positivo e questa nuova relazione le ha fatto credere ancora una volta nel vero amore.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 18-03-2022


Aurora Ramazzotti parla di Tomaso Trussardi dopo la rottura con la Hunziker

Ludovica Valli, tutto sul cane Ettore: un fratello maggiore perfetto