Un nuovo rapporto di Legambiente riporta le situazione in città per gli animali a quattro zampe, che non è sempre adeguata.

Legambiente ha pubblicato il decimo Rapporto nazionale Animali in città 2022, che valuta le performance delle amministrazioni comunali e delle aziende sanitarie per offrire una migliore convivenza nei contesti urbani con gli animali domestici e selvatici.

Ovviamente cani e gatti rappresentano il numero più alto si presenze, basti pensare che in Lombardia risultano registrati 1.768.444 cani, vale a dire 1 cane ogni 5,6 cittadini, mentre 280.256 sono i gatti, 1 ogni 35,6 cittadini.

Dal rapporto emergono diversi problemi riferiti all’organizzazione delle città, per rendere quanto più possibile adeguata la vita dei nostri amici a quattro zampe.

Secondo Legambiente, infatti, nell’anno della pandemia, l’attenzione e la cura della pubblica amministrazione per gli animali risultano ancora insufficienti e inadeguate a garantire il benessere nei centri urbani: “Performance per lo più fallimentari, ancora una volta disomogenee a livello nazionale, spesso inefficaci nel rispondere alle sfide che investono i territori e la loro vivibilità: nell’anno della pandemia, l’attenzione e la cura della pubblica amministrazione per gli animali risultano ancora insufficienti e inadeguate a garantire il benessere nei centri urbani”

Insomma, c’è ancora molto da fare in Italia per la vita negli animali in città, bisogna risolvere diversi problemi di randagismo, di anagrafi inefficienti e incentivare i servizi dedicati agli amici a quattro zampe.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-01-2022


Animali che vivono in montagna: quali sono i più noti

Animali estinti in Italia: quali sono e cosa si rischia