Il campione lancia un appello all’Italia di aiutare l’Ucraina e di non lasciare da solo il suo Paese d’origine dove vive la sua famiglia.

Andriy Shevchenko è stato ospite di Che tempo che fa, in collegamento da Londra. Il campione si è emozionato per la guerra in Ucraina, il Paese dove vive la sua famiglia e la sorellina, dilaniata dalla guerra. In lacrime chiede l’aiuto dell’Italia e il conduttore non ha potuto fare a meno che cedere alla commozione anche lui.

Le dichiarazioni di Andriy Shevchenko

Come riporta Today Andriy Shevchenko fa un appello all’Italia: “Quando sono attivato in Italia, l’Italia mi ha aperto il cuore. Mi avete fatto sentire uno di voi, io sento che l’Italia è la mia seconda patria, per favore, io lo chiedo a voi, aprite il cuore al mio popolo, alla mia gente, donne, bambini, persone anziane che hanno bisogno di voi. Io lo so che l’Italia è dietro di noi, che ci state dando tanto, vi ringrazio per tutto il vostro aiuto”.

Il campione parlando del suo Paese dilaniato dalla guerra non ha retto alle lacrime, trascinando nella commozione anche Fabio Fazio che dichiara: “So che non è consolatorio ma le tue lacrime sono le lacrime di tanti di noi e sono tutte le lacrime che vediamo nel popolo ucraino in questi giorni“.

Che tempo che fa è uno dei programmi che hanno cambiato volto proprio per rispetto alla guerra in Ucraina. Meno intrattenimento e svago, cambiata la sigla in La guerra di Piero di Fabrizio De André e la grafica notevolmente più seria e in linea al momento storico che si sta vivendo.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-03-2022


Melissa Satta: “Non puoi forzare le cose solo perché hai un figlio”

Si è spento Mitchell Ryan: Il generale McAllister nel primo Arma Letale