È vero che l’alluminio per alimenti fa male? Quali accortezze bisogna prestare per evitare di correre rischi nella conservazione dei cibi?

L’alluminio per alimenti fa male? Questa domanda spesso infiamma i dibattiti e rischia di allarmare più del dovuto. È bene precisare che il rilascio di alluminio non avviene in tutte le circostanze, ma dipende proprio dalla modalità con cui vengono utilizzati i materiali a contatto con gli alimenti. I fattori che incidono sono, quindi, la temperatura dell’alimento stesso, il tempo di conservazione e il tipo di cibo che viene conservato. Vediamo quali accortezze ci possono venire in contro per la conservazione degli alimenti senza rischi.

Alluminio e tossicità

Come sottolineato dal Ministero della Salute occorre fare delle precisazioni in merito ai rischi legati all’alluminio. Nella maggior parte dei casi, in assenza di situazioni particolari e soggetti vulnerabili, la tossicità dell’alluminio è bassa. I casi in cui bisogna prestare più attenzione riguardano gli anziani, le donne in dolce attesa e i bimbi con meno di 3 anni.

Alimenti in contenitore di alluminio
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/cibo-cotto-in-vassoio-grigio-quadrato-accanto-ad-aglio-e-cipolla-936661/

In ogni caso si possono seguire delle semplici regole che ci aiutano a usare contenitori di alluminio e imballaggi senza correre rischi. La prima cosa da fare è quella di leggere le etichette sui contenitori di alluminio, solitamente tra le indicazioni possiamo ritrovare quella di non utilizzare con cibi acidi o salati.

In alcuni casi è possibile che il contenitore si debba utilizzare solo per la refrigerazione, in altri non bisogna utilizzarlo con alcuni alimenti nello specifico. Vediamo, quindi, quali sono in genere le regole da seguire.

Contenitori in alluminio per alimenti: come usarli

In linea di massima i contenitori di alluminio non andrebbero mai utilizzati per la conservazione di cibi troppo salati o troppo acidi. Per questo motivo pietanze contenenti limone, aceto, pomodori e alimenti sotto sale sono da escludere a priori. I cibi, inoltre, non andrebbero mantenuti nei recipienti di alluminio oltre le 24 ore, ad esclusione dei casi in cui si provveda a congelare gli alimenti.

La limitazione delle 24 ore, però, non si applica agli alimenti secchi tra cui la pasta, la frutta secca, i legumi o il pane. Per ultimo, ma non meno importante, ricordate che i contenitori monouso non andrebbero mai riutilizzati.


Come lucidare il legno: tutto quel che c’è da sapere per un risultato ottimale

Come aggiustare un vetro crepato in modo semplice e veloce