Alessandro Gassman, annullato lo spettacolo “RIII – Riccardo Terzo”: ‘Ora ho una grande responsabilità’

L’attore Alessandro Gassman era atteso in scena il prossimo febbraio con “RIII – Riccardo Terzo”, ma si è trovato costretto a dare forfait, dopo un recente annuncio.

chiudi

Caricamento Player...

Cambio di programma nell’agenda di Alessandro Gassman: lo spettacolo “RIII – Riccardo Terzo” previsto all’Arena del Sole dal 12 al 15 febbraio 2015 è stato annullato.

L’attore stesso si è trovato costretto a cancellare la tournée teatrale inseguito ad un nuovo incarico ottenuto. Qualche giorno fa, infatti, ha ricevuto la nomina ad Ambasciatore di buona volontà dell’UNHCR.

“Un incarico – dice Gassman – che mi onora profondamente ma che al contempo considero una grande responsabilità. Accettare questa nomina significa dare la propria disponibilità a partecipare a iniziative o a eventi, alcuni dei quali, soprattutto quelli che si intraprendono in situazioni di emergenza umanitaria, non programmabili e comunicate con tempi molto ristretti”.


Per questo motivo appunto, l’attore Alessandro Gassman non è “purtroppo in grado di rispettare lo svolgimento delle recite dello spettacolo “Riccardo Terzo” previste tra gennaio e febbraio 2015 in quanto rischierei di trovarmi nella situazione di doverle annullare all’ultimo momento.

“Sono pienamente consapevole del grave disagio che questa mia decisione sta provocando – spiega al suo seguito l’attore –  ma confido nella vostra comprensione in considerazione dell’eccezionale importanza del progetto”.

Dal canto suo, la direzione di Emilia Romagna Teatro fa sapere  che sta lavorando per “offrire agli spettatori la miglior soluzione possibile. Nel più breve tempo possibile gli abbonati verranno informati delle opzioni a loro disposizione.”

Da sempre Alessandro Gassman ha amato il teatro. Alessandro è nato a Roma il 24 febbraio 1965 dall’attore italiano Vittorio Gassman (che nacque a Genova con il cognome Gassmann da padre tedesco) e dall’attrice francese Juliette Mayniel. Debutta a 17 anni nel film autobiografico Di padre in figlio, scritto, diretto e interpretato con il padre Vittorio, con il quale poi studia recitazione presso la “Bottega Teatrale” di Firenze.